“Famiglie in Biblioteca”, iniziativa alla Acclavio

“Possiamo prendere libri in prestito? Quando possiamo venire in biblioteca? In biblioteca oltre ai libri si possono leggere i giornali? Cos’è il reference? Come si fa una tessera? Come si cataloga un libro? Come si cercano i libri in biblioteca?”. Sono solo alcune delle domande poste – allo staff della Biblioteca Acclavio – dagli alunni e alunne della 5a F dell’istituto comprensivo San Giovanni Bosco che, dal 4 al 10 aprile, hanno preso parte al laboratorio “Famiglie in Biblioteca”. «L’iniziativa, rientrante nelle attività istituzionali della Biblioteca Acclavio, è stata finalizzata a favorire la crescita culturale, individuale e collettiva del “gruppo classe” che per quattro ore al giorno, per una settimana, ha lavorato insieme ai bibliotecari compiendo un percorso di conoscenza sul funzionamento dell’Acclavio, sul patrimonio posseduto e su come fruire dei servizi bibliotecari – si legge in una nota del Comune – Il percorso – che ha suscitato grande interesse tra giovani lettori e lettrici – si è concluso domenica 10 aprile con l’apertura straordinaria della Biblioteca comunale. Nella mattinata domenicale, il gruppo classe, in veste di “bibliotecari in erba”, ha “presentato” la Biblioteca alle famiglie intervenute.

Una presentazione eccellente, questa, che non si è limitata alla descrizione degli ambienti ma ha rappresentato anche tutti i principali servizi bibliotecari. Il percorso ha anche coinvolto le famiglie, alle quali è stata consegnata la tessera della biblioteca con l’impegno, da parte dei genitori, di accompagnare i loro figli e figlie in biblioteca per consentire il proseguo dell’esperienza. L’iniziativa si è conclusa con la consegna degli attestati ai giovanissimi lettori e alle giovanissime lettrici. Insieme agli insegnanti – sempre presenti in tutto il percorso – i bambini e le bambine hanno “stabilito un rapporto” con il libro e con gli spazi della Biblioteca. In modo del tutto naturale, hanno preso possesso degli spazi della Biblioteca e hanno iniziato a leggere il libro che hanno scelto autonomamente. Questo è il concetto di Biblioteca che lo staff dell’Acclavio intende proporre alla cittadinanza. Un luogo dove poter leggere, discutere, imparare e perché no… conoscersi. Un luogo che diventi sempre più di riferimento per la città di Taranto». L’iniziativa ha raccolto il plauso del Commissario Straordinario, Prefetto Vincenzo Cardellicchio, che complimentandosi con lo staff della Biblioteca Acclavio auspica «la prosecuzione di iniziative così belle e di successo per i ragazzi e ragazze Tarantine».

Sull’ex Ilva il Governo deve dare prova di responsabilità

L’ennesima manifestazione tenutasi a Taranto lo scorso 22 maggio, contro lo stallo che caratterizza il siderurgico di Acciaierie d’Italia, non può continuare a vedere gli Organi dello Stato distratti ed inconcludenti, atteso che i reiterati interventi dei rappresentanti locali della politica sembrano non incidere né orientare verso decisioni definitive. Si è, infatti, come in un […]

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]

Zes Jonica, opportunità da non perdere

Con l’attesa bollinatura da parte della Corte dei Conti al Commissario della Zes Jonica, avv Floriana Gallucci, entra finalmente nella piena operatività la governance della Zona economica speciale Jonica. Una grande opportunità per l’intero territorio che il Consorzio Asi di Taranto ha voluto immediatamente cogliere invitando presso la propria sede la neo commissaria per fare […]

“Conoscere il Pnrr, occasione imperdibile per il Mezzogiorno”

«È il momento di ragionare seriamente sul Pnrr, occasione imperdibile per il nostro Paese e ancor più per il Mezzogiorno e per il nostro territorio che è in ritardo sotto molti punti di vista. Colmare il ritardo e accelerare la trasformazione, aumentando la competitività pubblica e privata devono essere i nostri obiettivi». Così il commissario […]