x

x

Aveva appiccato un incendio ad un negozio, incastrato dalle riprese televisive

FRAGAGNANO – I carabinieri denunciano l’autore dell’incendio di un’attività commerciale. I militari della Stazione di Fragagnano a conclusione di una rapida indagine hanno segnalato in stato di libertà  un 58enne del posto, pensionato, ritenuto responsabile di danneggiamento seguito da incendio.

La sera del 12 gennaio scorso la saracinesca di negozio di casalinghi, situato nel paese,  era stata danneggiata dalle fiamme appiccate a una scatola di cartone che era stata lasciata nei pressi dell’esercizio commerciale dalla stessa proprietaria. Dai primi accertamenti era stato ipotizzato un rogo di natura accidentale.

In realtà, le indagini avviate dai militari dell’Arma hanno consentito, grazie anche ai  filmati di alcune telecamere posizionate nei pressi  del negozio, di incastrare l’autore dell’incendio. Gli investigatori hanno accertato che il cinquantottenne, che è incensurato, spinto da un risentimento che avrebbe nutrito nei confronti della titolare dell’attività commerciale, a causa di contrasti, aveva dato fuoco alla scatola di cartone posta davanti al negozio di casalinghi.

Nelle ultime settimane un incendio era stato appiccato anche nel quartiere Paolo VI davanti ad un esercizio commerciale. Ignoti avevano appiccato il fuoco alla saracinesca del locale per poi darsi alla fuga.

Sul posto, una volta scattato l’allarme, erano subito intervenuti i vigili del fuoco, che avevano provveduto a spegnere le fiamme, e gli agenti della Squadra Volante,  i quali avevano rinvenuto, nei pressi dell’esercizio, una tanica di benzina. Una volta rintracciato il gestore del locale, che era  stato ascoltato dagli agenti della questura , avevano preso il via le indagini per tentare di risalire agli autori dell’atto intimidatorio, il cui movente è ancora oscuro.

Nello stesso periodo un attentato incendiario era stato compiuto ai danni di un  locale situato nel capoluogo. Ignoti avevano versato liquido infiammabile davanti alla saracinesca e dato fuoco. 

Il raid in piena notte. L’allarme alle centrali operative di vigili del fuoco e della questura e sul posto erano piombati i pompieri e gli agenti della Squadra Volante.

Nei mesi  scorsi una serie preoccupante di incendi ai danni di esercizi  commerciali del capoluogo jonico e dei centri della provincia. Alla base delle incursioni il racket ma anche contrasti di natura privata.