Indotto Ilva, rabbia operaia

TARANTO – Centinaia di lavoratori dell’appalto Ilva, insieme ai rappresentanti sindacali e ai dipendenti diretti del Siderurgico che hanno voluto solidarizzare con loro, questa mattina alle 7 si sono radunati davanti ai cancelli della portineria imprese dello stabilimento e dopo un’ora di assemblea si sono diretti in corteo verso la Prefettura di Taranto per un sit-in di protesta. Esplode in modo clamoroso, quindi, la protesta dell’indotto del Siderurgico.
L’obiettivo della protesta è quello di evidenziare la mancanza di garanzie per le imprese che lamentano ritardi nei pagamenti da parte dell’Ilva e temono che i crediti possano essere azzerati con l’amministrazione straordinaria.
Dopo la manifestazione a Roma di due giorni fa e l’incontro, ritenuto insoddisfacente, con il ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, i titolari delle aziende appaltatrici hanno revocato il provvedimento di messa in libertà dei lavoratori e avviato la procedura della cassa integrazione straordinaria.
Ma la protesta prosegue perchè la crisi di liquidità sta avendo effetti devastanti per operai e imprese. I sindacalisti e una delegazione di lavoratori chiedono al prefetto di Taranto, Umberto Guidato, di farsi portavoce delle sofferenze del settore. Anche gli autotrasportatori da ieri hanno sospeso i servizi e proclamato lo stato di agitazione.
Intorno all’Ilva quindi il clima si fa pesantissimo, nel giorno in cui l’Ilva chiede l’ammissione all’amministrazione straordinaria, come riferiamo a parte.
E riecheggiano le parole di Andrea Guerra, consigliere economico del premier Renzi: “Senza soldi subito, l’azienda può morire in una notte”.

Porto e aeroporto di Taranto, «La logistica farà crescere la Puglia»

«La Puglia può crescere e favorire lo sviluppo socio economico dei pugliesi se gioca, come sta già facendo, due importanti partite: quella della green economy e quella della blue economy, strettamente legata al settore strategico della logistica». Lo ha sottolineato l’assessore allo Sviluppo Alessandro Delli Noci. «La Puglia – ha aggiunto – conta 4 grandi […]

Coronavirus, in Puglia 2.407 contagi e 14 decessi. Ma i reparti si svuotano

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 17.522 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 2.407 casi positivi, così suddivisi: 830 in provincia di Bari, 169 nella provincia BAT, 189 in provincia di Brindisi, 311 in provincia di Foggia, 482 in provincia di Lecce, 394 in provincia di Taranto, 22 […]

Donna muore dopo tre interventi, dalla Asl Taranto risarcimento da oltre un milione

Dopo due gradi di giudizio, la famiglia di una donna di 77 anni, deceduta all’ospedale SS Annunziata ha ottenuto un risarcimento danni di un milione e 250mila euro. I familiari della vittima sono stati assistiti da Giesse Risarcimento Danni, che li ha accompagnati, con il contributo dei suoi legali fiduciari, lungo tutto il complesso iter […]

Accelerata all’innovazione dei servizi al cittadino

A distanza di due settimane dalla richiesta della Cisl Fp al Comune di Taranto, di valutare lo stato di digitalizzazione dei servizi offerti dall’Ente e di avviare il processo di transizione digitale con i fondi del Pnrr, sviluppato in totale coerenza con il NextGenerationEU, il segretario aziendale della Cisl Fp Fabio Ligonzo, apprende «con favore […]