x

x

Buonasera

Numerosi furti in appartamento, presi i tre presunti responsabili

I Falchi della Squadra Mobile, lo scorso 8 maggio, hanno eseguito il decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica di Taranto, nei confronti di due uomini di nazionalità straniera, per il presunto reato di furto aggravato in appartamento, violazione di domicilio e ricettazione in concorso.

L’attività di indagine, avviata da parte dei Falchi della Squadra Mobile a seguito della denuncia di numerosi furti in abitazione in modo particolare dei Quartieri Borgo e Italia, ha raccolto i primi elementi dalla visione delle telecamere dei sistemi di video sorveglianza delle zone interessate. Anche in considerazione delle testimonianze acquisite dalle vittime dei furti, l’attività si è concentrata verso l’individuazione di tre uomini, dei quali uno di corporatura robusta ed con capelli rasati, ripresi dalle telecamere.

Così, nella mattinata dello scorso 3 maggio, i Falchi, nel corso della specifica attività di osservazione, hanno notato due uomini che, con passo spedito, si allontanavano a piedi da un edificio e che, alla vista dei poliziotti, si sono nascosti dietro un’impalcatura. I due, uno di nazionalità georgiana e l’altro di nazionalità romena, sono stati identificati ed uno dei due è stato trovato in possesso di un borsello contenente una pinza multiuso e diversi strumenti. Ritenendo che i due potessero essere riconducibili agli autori dei furti in appartamento, i poliziotti hanno dato avvio ad una ancora più attenta visione delle immagini delle telecamere di video sorveglianza già acquisite, nonché ai profili social (Facebook ed Instagram) collegati ai due uomini controllati.

Proprio da questa minuziosa analisi, si sono acquisiti fondati elementi indiziari per ritenere che il terzo uomo, ripreso sia dalle telecamere sia nelle foto sui profili social degli interessati, corrispondeva a colui che, con capelli rasati e corporatura robusta, partecipava ai furti.

Lo stesso, sempre di nazionalità georgiana, è stato rintracciato in un Comune della Provincia tarantina, ove viveva insieme alla moglie di origini georgiane e al figlio.

A seguito della perquisizione domiciliare nell’abitazione di quest’ultimo, è stato possibile recuperare numerosi oggetti preziosi – verosimilmente in oro ed argento -, telefoni cellulari, computer portatili, orologi, occhiali ed altro, della cui provenienza la coppia non ha saputo dare alcuna spiegazione plausibile. All’esito dell’attività investigativa svolta, il Procuratore della Repubblica di Taranto ha ritenuto che il fermo di indiziato di delitto da eseguirsi presso la Casa Circondariale nei confronti dei tre fosse l’unica misura idonea ad evitare il concreto pericolo di fuga.

Il sondaggio: Melucci vincerebbe al primo turno

Il candidato sindaco Rinaldo Melucci vincerebbe al primo turno con un ampio margine di vantaggio rispetto agli avversari. È quanto emerge da un sondaggio realizzato da “Winpoll” per “scenaripolitici.com” sulle intenzioni di voto dei tarantini in vista delle elezioni amministrative in programma il prossimo 12 giugno. Quattro i candidati sindaco in campo: il primo cittadino […]

Coronavirus, dati stabili in Puglia. Si svuotano le terapie intensive: solo 12 ricoverati

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 13.306 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.609 casi positivi, così suddivisi: 540 in provincia di Bari, 86 nella provincia BAT, 124 in provincia di Brindisi, 252 in provincia di Foggia, 341 in provincia di Lecce, 242 in provincia di Taranto, 15 […]

«Così più sicurezza nei campi»

Si è tenuto ieri mattina, presso la Masseria Sacramento di Palagianello, il convegno “Informo per coltivare la salute e la sicurezza in agricoltura”, organizzato da Asl Taranto e dalla Direzione Regionale pugliese Inail, con la partecipazione attiva delle organizzazioni datoriali e sindacali. Numerosi gli imprenditori del settore e i tecnici della sicurezza presenti per il […]

Nuovi display per conoscere i tempi d’attesa dei bus

In molti li hanno già notati ad alcune fermate di Kyma Mobilità Amat in città: sono i nuovi display a led, installati sotto le pensiline o su nuove paline con pannelli solari, che comunicano all’utenza in attesa i tempi in cui è previsto l’arrivo dell’autobus. Per ottenere questo risultato, ovviamente, tutti gli autobus di Kyma […]