x

x

Buonasera

“L’accoglienza ai profughi continuiamo a pagarla noi”

I 274 sbarcati alcuni giorni fa, ma prima ancora molte altre centinaia. Il tutto lasciato alla solidarietà di una città, di mediatori culturali, psicologi ed educatori, che oggi, venerdì 8 maggio alle 11.30 nella sede della Cgil di Taranto in via Dionisio, racconteranno la “loro” emergenza immigrati.

Un punto di osservazione – spiega il Segretario Generale della CGIL di Taranto, Giuseppe Massafra – che metterà in luce molto di più di una vertenza di lavoro. Una condizione paradossale, che proprio mentre noi discutiamo e il Governo promette è lasciata solo nelle mani di chi fa anche del suo lavoro un gesto di responsabilità e solidarietà nei confronti di questi migranti.

Scrivono i lavoratori in una lettera: “Tutti i lavoratori, nonostante non ricevano lo stipendio da 4 mesi, si prodigano al meglio che possono attingendo anche ai soldi personali o a quelli delle loro famiglie che stanno “finanziando” l’accoglienza”. E’ chiaro dunque che la vertenza di lavoro dei 39 operatori delle cooperative Salam e Fallah è solo la punta di un iceberg dell’incapacità dello Stato di dare dignità ai diritti – dice Massafra – quelli dei migranti che hanno diritto a mangiare o a ricevere le cure mediche o il sostegno necessario, ma anche quelli dei lavoratori che malgrado stiano rispondendo con responsabilità ad una emergenza umanitaria vengono proprio traditi dallo Stato che con le loro cure, le loro mani e la loro esperienza rappresentano a livello internazionale.

Le cooperative Salam e Fallah grazie ad una convenzione con la prefettura di Taranto e per conto del Ministero degli Interni assicura proprio i servizi di base destinati al Centro di smistamento del Pala Ricciardi di Taranto, ma i trasferimenti da parte dello Stato sono fermi a dicembre 2014. I 39 delle cooperative tarantine infatti dal mese di gennaio non percepiscono nessun tipo di ristoro economico e in più patiscono la scure dei decreti ingiuntivi di pagamento emessi dai fornitori.

Si tratta di una danno doppio – spiega Lucia La Penna, segretaria del Nidil Cgil – perché le cooperative non solo non riescono a soddisfare i lavoratori, ma ricevono anche i pignoramenti da parte delle imprese che ad esempio forniscono il vitto o altri servizi essenziali.

E se i 30,10 euro al giorno per migrante assistito non arrivano – dice Massafra –  vuol dire che mentre il Ministero dell’Interno non accredita le somme, tutto è affidato al buon cuore dei tarantini che in questi mesi hanno adottato i tanti migranti transitati da qui, e ai professionisti che nonostante tutto hanno deciso di non voltarsi dall’altra parte. Umanità che assolve al dovere di uno Stato a dir poco disattento.

Coronavirus, in Puglia meno di 30mila contagiati. Oggi 1.478 casi e 4 decessi

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 13.189 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.478 casi positivi, così suddivisi: 460 in provincia di Bari, 97 nella provincia BAT, 139 in provincia di Brindisi, 213 in provincia di Foggia, 323 in provincia di Lecce, 228 in provincia di Taranto, 13 […]

Sull’ex Ilva il Governo deve dare prova di responsabilità

L’ennesima manifestazione tenutasi a Taranto lo scorso 22 maggio, contro lo stallo che caratterizza il siderurgico di Acciaierie d’Italia, non può continuare a vedere gli Organi dello Stato distratti ed inconcludenti, atteso che i reiterati interventi dei rappresentanti locali della politica sembrano non incidere né orientare verso decisioni definitive. Si è, infatti, come in un […]

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]

Zes Jonica, opportunità da non perdere

Con l’attesa bollinatura da parte della Corte dei Conti al Commissario della Zes Jonica, avv Floriana Gallucci, entra finalmente nella piena operatività la governance della Zona economica speciale Jonica. Una grande opportunità per l’intero territorio che il Consorzio Asi di Taranto ha voluto immediatamente cogliere invitando presso la propria sede la neo commissaria per fare […]