x

x

Prima seduta della nuova Giunta comunale targata Melucci

Con la delibera 1 numero l’esecutivo ha posto il proprio sigillo sul programma nazionale Just Transition Fund 2021- 2027
La Giunta comunale di Taranto

La prima seduta di Giunta dell’amministrazione Melucci bis, tenuta mercoledì a Palazzo di Città alla presenza del segretario generale Eugenio De Carlo, «consegna alla comunità un provvedimento di fondamentale importanza». Con la delibera 1 numero, infatti, l’esecutivo ha posto il proprio sigillo sul programma nazionale Just Transition Fund 2021- 2027, l’articolato piano di matrice europea che ha destinato alla città risorse importanti, oltre 800 milioni di euro, per investimenti mirati alla decarbonizzazione del territorio.

«In questi mesi di assenza – le parole del sindaco Rinaldo Melucci – non abbiamo avuto la possibilità di contribuire alla stesura del programma che lo scorso 20 giugno è stato notificato ai servizi della Commissione Europea. Per questo motivo, anche con un approccio simbolico, abbiamo deciso che la nostra prima delibera di giunta dovesse essere una richiesta di integrazione a quel programma, affinché fossero ricompresi alcuni progetti che noi riteniamo complessivamente volano per la crescita e lo sviluppo delle imprese, nell’ottica della diversificazione economica che è l’obiettivo del Jtf».

In questo modo l’amministrazione Melucci ha recuperato i risultati del percorso di partecipazione compiuto nei mesi scorsi, che aveva prodotto il documento denominato “La transizione giusta per Taranto” contenente una cinquantina di proposte di intervento, in continuità con le indicazioni del piano “Ecosistema Taranto”. «Una delibera storica – ha aggiunto Melucci – perché definiamo qual è la nostra idea di diversificazione e transizione attraverso 4 progetti importanti: la “Green Belt”, il “Sea Hub” per potenziare la filiera del mare, la “Biennale del Mediterraneo” e il “Campus ionico della ricerca” che insieme valgono quasi 250 milioni di euro». Durante la seduta di Giunta sono stati approvati anche altri provvedimenti, tra i quali si segnalano il protocollo d’intesa con Rfi per la realizzazione del nuovo fronte della stazione centrale e la riperimetrazione delle dune costiere di Marina di Taranto.