x

x

Blitz antidroga ai Tamburi, otto arresti

Il carcere di Taranto

Giro di spaccio ai Tamburi, scatta il blitz. Alle prime luci dell’alba di giovedì mattina, la Squadra Mobile di Taranto ha dato esecuzione ad otto ordinanze di custodia cautelare (di cui 6 in carcere e 2 agli arresti domiciliari) nei confronti dei presunti responsabili del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Come si legge in una nota della Questura di Taranto, «l’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Taranto, rappresenta una “costola” di una precedente e più complessa attività investigativa avviata a seguito di un omicidio avvenuto nella serata del 16 dicembre 2020».

In quell’occasione, il cadavere di un uomo, il 39enne palagianese Graziano Rotondo, fu trovato in uno scantinato di una palazzina in via Machiavelli. «La successiva ricostruzione indiziaria della vicenda portò all’adozione del fermo di indiziato di delitto nei confronti di due persone e successivamente anche di un terzo presunto responsabile in concorso dell’omicidio volontario pluriaggravato, e già detenuto presso la Casa Circondariale di Brindisi. Nel lasso di tempo intercorso tra la cattura dei primi due presunti responsabili e l’individuazione del terzo, i poliziotti hanno raccolto elementi idonei a ritenere che quest’ultimo avesse avviato una redditizia attività di spaccio di sostanze stupefacenti, soprattutto cocaina, avvalendosi della fattiva collaborazione della madre e dello zio (oggi destinatario della misura in carcere) e del fratello e della compagna (agli arresti domiciliari).

In carcere sono finiti anche altre tre persone a carico dei quali la Squadra mobile ha raccolto elementi idonei a ritenere che si tratti dei fornitori della droga, movimentata in significative quantità». Questi i nomi degli arrestati. In carcere Angelo Fago, Arcangelo Fago, Giovanni Nigro, Francesco Magnati, Anna Stola, Christian Stola. Ai domiciliari Rosa De Lorenzis, Ernesto Nigro. A stretto giro gli indagati saranno ascoltati dal gip, assistiti dai loro legali, tra i quali gli avvocati Salvatore Maggio e Stefania Tripaldelli, Marino Galeandro, Pasquale Blasi, Luigi Esposito.