x

x

Isolaverde, adesso si avvia il ‘tavolo’

“L’incontro non poteva certo essere risolutivo; c’è ancora tanta strada da fare, e ieri è stato disegnato il quadro della situazione, si è percorso un piccolo tratto di quella strada”.  Con queste parole Paola Fresi, Cgil, commenta l’esito del vertice di ieri su Isolaverde. Il tavolo istituzionale che riunisce attorno a sé la Provincia, il Consiglio d’amministrazione della società e i sindacati ha cominciato, durante l’incontro di ieri, a mettere a fuoco l’obiettivo, ovvero chiarire quali possano essere le attitudini di questi lavoratori e quale l’impegno delle istituzioni.

Il tutto è complicato dalla procedura di liquidazione della multiservizi attualmente in corso.

Si spera che durante il prossimo incontro i sindacati possano apprendere il numero dei dipendenti che avranno accesso al prepensionamento e le cifre relative ai lavoratori che potranno essere riassorbiti e tornare a prestare servizio negli ambiti di competenza dell’ente Provincia, ovvero la manutenzione delle strade, il controllo delle caldaie e le pulizie. Quanto al milione e 400 mila euro in disponibilità della Regione, previa stesura di progetti ad hoc, Fresi chiarisce che quel denaro dovrà servire a far ripartire il lavoro e non potrà essere impiegato per pagare gli stipendi arretrati che i 232 operai aspettano da sei mesi.