Palazzo degli Uffici. Indietro tutta

TARANTO – Doveva essere un accordo storico, con Comune e Provincia che assicuravano la rinascita di Palazzo degli Uffici. Ora, dopo quattro anni di tempo sostanzialmente perso, quel patto è da gettare. Davvero una brutta storia, quella del restauro dello storico immobile simbolo (davvero…) del Borgo ed ex sede del liceo Archita. “Lavori di ristruttu-razione Liceo Archita – Palazzo degli Uffici. Suddivisione dei fondi precedentemente destinati” il punto all’ordine del giorno del consiglio provinciale di oggi, rinviato a mercoledì. Ma non c’è bisogno di aspettare la prossima settimana per capire che il cielo è nerissimo sul palazzo che ha visto crescere generazioni di tarantini.
Da parte della Provincia l’intenzione è quella di cestinare l’accordo sottoscritto il 22 luglio 2011, con il quale l’ente di via Anfiteatro si impegnava a versare otto milioni e mezzo di euro nell’ambito dei lavori di ristrutturazione dell’ex Archita. Lavori ai quali avrebbe contribuito il Comune, con una somma di circa 11 milioni e, con 14 milioni, i privati che avrebbero sfruttato economicamente gli utili derivanti dalla gestione delle aree presenti all’interno del Palazzo. La durata del ‘restauro’ avrebbe dovuto essere di 34 mesi, con la parte dell’edificio destinata al liceo in 24 mesi dall’inizio dei lavori. E’ andata come tutti sanno, tra beghe, polemiche, ritardi, addirittura sospetti di infiltrazioni mafiosi. Palazzo degli Uffici intanto resta un rudere in pieno centro. E mercoledì verrà messa in chiaro l’intenzione della Provincia, alle prese con una drammatica situazione finanziaria, di rivedere il proprio contributo, che dovrebbe scendere nelle intenzioni a meno di tre milioni.

Zes Jonica, opportunità da non perdere

Con l’attesa bollinatura da parte della Corte dei Conti al Commissario della Zes Jonica, avv Floriana Gallucci, entra finalmente nella piena operatività la governance della Zona economica speciale Jonica. Una grande opportunità per l’intero territorio che il Consorzio Asi di Taranto ha voluto immediatamente cogliere invitando presso la propria sede la neo commissaria per fare […]

“Conoscere il Pnrr, occasione imperdibile per il Mezzogiorno”

«È il momento di ragionare seriamente sul Pnrr, occasione imperdibile per il nostro Paese e ancor più per il Mezzogiorno e per il nostro territorio che è in ritardo sotto molti punti di vista. Colmare il ritardo e accelerare la trasformazione, aumentando la competitività pubblica e privata devono essere i nostri obiettivi». Così il commissario […]

Verso il voto. Scrutatori nominati, è polemica

«Il forte rischio è che la nomina degli scrutatori possa rappresentare un possibile voto di scambio». Lo afferma Alfredo Venturini, coordinatore della lista Taranto Mediterranea, in riferimento alla nomina degli scrutatori per la composizione dei seggi per le elezioni comunali del 12 giugno. «Abbiamo appreso che il Commissario straordinario Prefetto dott. Vincenzo Cardellicchio al Comune […]

Cosa succederebbe se chiudesse l’ex Ilva

È in corso un dibattito caloroso (Taranto Buonasera del 20/5 parla giustamente di “lite”) sulla situazione reale dell’ex Ilva tra vari soggetti di interessi pubblici (partiti, sindacati, ecc.) ma le preoccupazioni ed il pensiero della popolazione, quella senza posizioni di parte, risultano assenti. Molle tarentum? Forse, ma è doveroso intervenire almeno per dire ciò che […]