x

x

Turni dei medici, per i sindacati si va verso il caos

L’applicazione di una direttiva europea, che da oggi dovrebbe rimodulare gli orari di lavoro del personale sanitario rischia di peggiorare il livello delle prestazioni sanitarie in Puglia.

A complicare la situazione, nel capoluogo jonico, l’esaurimento delle risorse finanziarie messe a disposizione dal decreto “Salva Ilva” del 2012. Per Taranto, il rischio di chiusura di alcuni reparti negli ospedali Moscati e San Marco di Grottaglie è reale. “Panico” è la parola che ricorre nelle dichiarazioni dei segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, D’Alberto, Lezzi e Vatinno che scrivono al governatore Michele Emiliano e a Giovanni Gorgoni, direttore del Dipartimento Promozione della Salute della Regione.

“La mancanza di risorse umane, forse costringerà ad alcuni accorpamenti o chiusure – si legge nella nota – ma non s’intravede un’idea organizzativa che riesca a far fronte al problema”. Secondo i rappresentanti sindacali, si sta procedendo alla riorganizzazione di turni e reparti, con eventuali accorpamenti, in modo del tutto unilaterale, senza coinvolgere le organizzazioni di categoria. Condividendo quanto espresso, in queste ore, dalle segreterie regionali delle funzioni pubbliche di Cgil, Cisl e Uil, Mino Bellanova e Giorgio Ciaccia, segretari Cgil e Cisl, sottolineano che ad oggi nessuna informativa è stata inviata alle organizzazioni sindacali, mentre ovunque si predispongono modifiche all’organizzazione dei turni e delle reperibilità, che potrebbero comportare addirittura trasferimenti di personale e blocco verbale delle ferie. In attesa dell’incontro convocato dall’assessorato regionale per il prossimo 27 novembre, i segretari Ciaccia e Bellanova sollecitano i vertici Asl a comunicare tempestivamente ogni possibile modifica in atto, relativamente ai turni di lavoro del personale sanitario.

Nella nota dei sindacati si cita, quale esempio virtuoso, la Regione Basilicata, che per tempo è riuscita a disciplinare ogni possibile ricaduta dell’applicazione della normativa europea sull’organizzazione del lavoro.