x

x

Due rottweiler aggredirono un uomo che faceva jogging, denunciato il proprietario

Al termine di una meticolosa indagine conclusa in pochi giorni, i Carabinieri della Compagnia di Martina Franca hanno denunciato in stato di libertà un 48enne di Faggiano per l’omessa custodia dei due rottweiler che il giorno di Natale si erano resi autori di una violenta aggressione ai danni di un uomo nell’agro di San Giorgio Jonico.

Poco prima delle 13.00 del 25 dicembre scorso, infatti, un impiegato 43enne intento a fare jogging lungo l’arteria di collegamento tra Monteiasi e San Giorgio Jonico venne aggredito agli arti inferiori ed alle mani da due rottweiler.

L’atteggiamento degli animali era così aggressivo da costringere il malcapitato a trovare rifugio sul tettuccio della propria autovettura fortunatamente parcheggiata nei paraggi.

I passanti, vista la scena, allertarono i Carabinieri ed i soccorsi, che giunsero immediatamente sul posto. Anche se, vista la particolare aggressività dei molossi, fu pressocché impossibile ogni tentativo di prestare le prime cure mediche allo sfortunato podista. Per calmare l’ira dei cani, che peraltro si erano scagliati addirittura contro i pneumatici di due autovetture, si rese necessario l’intervento di personale veterinario dell’Asl di Grottaglie che, dopo aver provveduto a sedare gli animali, li condussero presso il canile di Maruggio.

La vittima dell’aggressione, invece, venne trasportato presso l’Ospedale SS. Annunziata di Taranto, dove venne ricoverato con prognosi di 30 giorni a causa delle ferite multiple riportate.

I Carabinieri della Stazione di San Giorgio Jonico, a questo punto si sono dedicati alla individuazione del proprietario dei cani che non risultavano muniti di microchip identificativo previsto dalla legge.

Ma le indagini hanno comunque consentito di individuare il proprietario delle bestie: si tratta del proprietario di un fondo rustico nei paraggi dell'aggressione. L'uomo dovrà rispondere di omessa custodia e malgoverno di animali, lesioni colpose, danneggiamento e omessa dichiarazione all’anagrafe canina.