x

x

Al lavoro il nuovo CdA di Kyma Mobilità Amat

Si è insediato il nuovo Consiglio di Amministrazione
Al lavoro il nuovo CdA di Kyma Mobilità Amat

Si è insediato il nuovo Consiglio di Amministrazione di Kyma Mobilità composto dal Presidente Alfredo Spalluto, dalla Vicepresidente Ilaria Buonocore e dal Consigliere Cosimo Gigante.

Il Presidente Spalluto ha invitato anche il collegio dei revisori al completo e per il management aziendale il direttore generale f.f. Dott. Pietro Carallo e la dott.ssa Maria Fabiola Menenti, mentre in remoto si collegava il Direttore tecnico Mauro Piazza, che hanno illustrato i prossimi impegni di Kyma Mobilità nonché i numerosi progetti avviati dall’azienda.

Tra questi il sostanziale rinnovamento del parco mezzi aziendale, un programma già avviato grazie ai finanziamenti acquisiti dall’Amministrazione del Sindaco Melucci: nel gennaio dell’anno scorso sono entrati in servizio 24 nuovi autobus a motorizzazione ibrida, mentre a breve sarà la volta di 58 nuovi autobus: 53 anch’essi a motorizzazione ibrida e 5 full electric.

Importante sarà la bigliettazione elettronica che consentirà all’azienda di disporre di informazioni utilissime per adeguare il servizio alle reali esigenze dei cittadini.

Il Presidente Alfredo Spalluto, trasmettendo le linee di indirizzo strategico del Sindaco per l’azienda ha sottolineato che è precisa volontà dell’Amministrazione di mettere al centro le persone. Innanzitutto i cittadini-utenti che devono usufruire del migliore dei servizi. E poi i dipendenti che devono sentirsi partecipi e fautori della migliore mobilità urbana.

«Con gli altri Amministratori – ha poi annunciato il Presidente Alfredo Spalluto – per espressa volontà del Sindaco Rinaldo Melucci, avvierò con i sindacati un confronto leale e costruttivo, la stessa attenzione che avremo nei confronti dei lavoratori che costituiscono il miglior patrimonio di Kyma Mobilità».

Soddisfatti anche Buonocore e Gigante. A margine il Consiglio di Amministrazione ha incontrato il Consigliere delegato alle Società partecipate Lucio Lonoce con il quale sono state condivise le linee d’indirizzo.