x

x

Uilm: «L’italia rischia un autunno ingovernabile». Il caso ex Ilva

Parla Rocco Palombella, segretario generale del sindacato
Rocco Palombella

In autunno l’Italia rischia “una situazione sociale ingovernabile”. Parola di Rocco Palombella, segretario generale Uilm, che intervistato dall’AGI traccia un quadro delle crisi industriali aperte e annuncia iniziative sindacali, a partire dalla manifestazione del 3 settembre a Triste.

“A luglio ci sono state una serie di vertenze passate in secondo piano perche’ ci siamo trovati davanti ad un’ inedita crisi di governo e la drammaticita’ della situazione non e’ stata evidenziata”. L’elenco fatto da Palombella è lungo, e riguarda tutta la penisola: dalla Wartsila di Trieste ad Acciaieria di Sicilia; da Qf (ex Gkn) di Firenze alla ex Whirlpool di Napoli; dalla Ansaldo Energia di Genova al settore logistica di Stellantis di Melfi; dalla Acc di Belluno all’ex Ilva di Taranto, fino a Whirlpool Italia con vari sedi sul territorio. In alcuni casi si tratta di chiusure e licenziamenti, in altre di fragilita’ finanziarie o piani industriali incompiuti.

“E a tutto cio’ – aggiunge Palombella – si aggiungono i problemi legati alla transizione ecologica: un processo ineluttabile su cui gli altri paesi, a differenza dell’Italia,stanno andando avanti”. “E’ una fotografia sommaria – fa notare Palombella – ma che dimostra come l’azione governo in questi anni non si e’ dimostrata efficace, non e’ stata in grado di affrontare e risolvere le situazioni critiche. Ed ora si rischia una situazione sociale ingovernabile, con un parlamento dimissionario che non ritiene le vertenze una priorita’”