Niente quattordicesima per i dipendenti. L’Amiu ora rischia il tracollo

Salta il pagamento della quattordicesima. Anche se nella convocazione per “comunicazioni urgenti”, inoltrata dai vertici dell’azienda ai sindacati, non viene specificato l’argomento in discussione, l’indiscrezione ha fatto rapidamente il giro della città: l’Amiu non ha più soldi.

L’appuntamento è per lunedì alle 12.30. Ad incontrarsi saranno i componenti del consiglio di amministrazione (Carmine Pisano, Michele Matichecchia e la new entry Anna Pastore) ed i rappresentanti sindacali dell’azienda. Al centro del confronto, le problematiche legate alla situazione economico – finanziaria dell’Amiu. A quanto pare, infatti, l’azienda che si occupa della raccolta e smaltimento dei rifiuti non sarebbe in grado di pagare le “quattordicesime” perchè, in caso di erogazione, si dovrebbe far fronte al pagamento di circa 2,4 milioni di euro per tasse e contributi. Soldi che l’Amiu non ha.

Problematiche ben note al Comune (socio unico dell’azienda) che, nei mesi scorsi, ha chiesto all’azienda di avviare la sperimentazione che prevede l’eliminazione del turno domenicale di raccolta dei rifiuti. Provvedimento utile, secondo gli intendimenti di Palazzo di Città, ad ottenere un risparmio ma che, in pratica, ha provocato notevoli disagi in città con cassonetti stracolmi e rifiuti sparsi su strade e marciapiedi. L’argomento è stato tema di dibattito anche nell’assemblea dei soci che, nei giorni scorsi, ha decretato il cambio nel cda tra Paolo Spano e Anna Pastore (che ha assunto la delega di vicepresidente).

Sotto la lente di ingrandimento anche l’assenza di una riorganizzazione generale del servizio. Ad esempio, al Borgo (quartiere in cui sono presenti centinaia di esercizi commerciali e della ristorazione) i cassonetti sarebbero svuotati fino alle 5 del sabato mattina. Il servizio riprenderebbe solo alle 22 del lunedì sera. Altre zone periferiche della città, invece, sarebbero servite diversamente (fino al sabato sera). Resta da valutare anche la destinazione di quegli operatori che, prima della sperimentazione, lavoravano la domenica ed oggi potrebbero essere utilizzati per altri scopi. In ogni caso, però, quella sperimentazione non può bastare a risollevare le sorti dell’Amiu. Il mancato pagamento delle quattordicesime, infatti, potrebbe essere la spia di una crisi ormai irreversibile. 

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]

Zes Jonica, opportunità da non perdere

Con l’attesa bollinatura da parte della Corte dei Conti al Commissario della Zes Jonica, avv Floriana Gallucci, entra finalmente nella piena operatività la governance della Zona economica speciale Jonica. Una grande opportunità per l’intero territorio che il Consorzio Asi di Taranto ha voluto immediatamente cogliere invitando presso la propria sede la neo commissaria per fare […]

“Conoscere il Pnrr, occasione imperdibile per il Mezzogiorno”

«È il momento di ragionare seriamente sul Pnrr, occasione imperdibile per il nostro Paese e ancor più per il Mezzogiorno e per il nostro territorio che è in ritardo sotto molti punti di vista. Colmare il ritardo e accelerare la trasformazione, aumentando la competitività pubblica e privata devono essere i nostri obiettivi». Così il commissario […]

Verso il voto. Scrutatori nominati, è polemica

«Il forte rischio è che la nomina degli scrutatori possa rappresentare un possibile voto di scambio». Lo afferma Alfredo Venturini, coordinatore della lista Taranto Mediterranea, in riferimento alla nomina degli scrutatori per la composizione dei seggi per le elezioni comunali del 12 giugno. «Abbiamo appreso che il Commissario straordinario Prefetto dott. Vincenzo Cardellicchio al Comune […]