x

x

Furto di oggetti antichi, arrestati due fratelli

Hanno messo a segno un furto in un casolare di campagna i due fratelli arrestati di carabinieri.

I militari della Stazione di Mottola nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione e al contrasto dei reati contro il patrimonio, soprattutto nelle zone periferiche e nelle aree rurali hanno notato nei pressi di un casolare disabitato di contrada Selvapiano, un motocarro in sosta. Insospettiti dalla presenza del mezzo hanno deciso di procedere ad un controllo più accurato.

Hanno infatti sorpreso i due fratelli mentre si impossessavano di alcune suppellettili antiche, di due tavolini, due cassapanche, alcuni recipienti in terracotta, una bilancia, un candelabro, due portacatini. Avevano già caricato tutto sul motocarro che avevano parcheggiato vicino al casolare. La refurtiva del valore di circa 1.000 euro, che con molta probabilità in un secondo momento sarebbe stata piazzata nei mercatini dell’antiquariato è stata restituita al proprietario, mentre i due fratelli, sono stati dichiarati in arresto.

Entrambi, dopo una breve sosta in caserma, sono stati accompagnati nelle rispettive abitazioni dove dovranno rimanere ai domiciliari così come disposto dal magistrato di turno. Ormai pur di raggranellare qualche quattrino rubano di tutto. Sembra di essere tornati ai tempi dei ladri di polli. Da qualche anno a questa parte, complice la crisi economica, sono tornati con prepotenza i ladri d’appartamento i quali vanno a caccia non solo di soldi e di oggetti di valore. I ladri portano via bottini inusuali. Capita, infatti, che si accontentano di oggetti che hanno solo un valore affettivo per i proprietari delle abitazioni depredate.