x

x

Un canile abusivo scoperto dai carabinieri del Nas

I carabinieri del Nas hanno individuato nelle campagne tra Manduria e San Pietro in Bevagna, in contrada “Piacentini”, una casa rurale adibita a canile abusivo.

La struttura priva di autorizzazioni sanitarie era stata realizzata anche senza le autorizzazioni di natura urbanistica e edilizia. I carabinieri e il personale sanitario e tecnico della Asl, hanno accertato che nel rifugio per cani gestito da due donne, una di Roma e l’altra di Manduria, erano ricoverati ventinove cani accuditi direttamente dalla manduriana che è stata denunciata.

I carabinieri del Nucleo antisofisticazione e sanità hanno trasmesso il verbale di sopralluogo al Comune di Manduria che adotterà le misure del caso che prevedono l’avvio delle procedure per la demolizione delle strutture realizzate abusivamente. L’unico canile convenzionato con il comune di Manduria e con altri della zona è quello gestito da una società. L’altro ricovero autorizzato per randagi è quello di Maruggio