x

x

Tangenti alla Marina, il ruolo degli amici in divisa

L’organizzazione si attrezzava anche per conoscere ed eventualmente sviare le indagini.

E’, infatti, inquietante, che il gruppo di presunti tangentisti abbia potuto contare suuomini dello Stato, un luogotenente dei carabinieri e un ispettore della polizia, per conoscere informazioni riservate sulle indagini. Divise non proprio linde, fino a prova contraria, che certamente non possono offuscare l’operato di migliaia di rappresentanti delle forze dell’ordine che ogni giorno compiono il loro dovere mettendo a rischio anche la vita. Il carabiniere, poi, è stato arrestato dai suoi colleghi. In una conversazione del 1° luglio scorso il comandante Di Guardo, alla presenza della compagna Corina Boicea e dell’imprenditore Paolo Bisceglia, riferisce all’imprenditore Mirimao che la Guardia di Finanza ha in corso accertamenti nei suoi confronti.

“Allora, prima che mangi che poi ti rimane bloccato il pasto…c’ho la Finanza” dice Di Guardo e Mirimao esclama “e sti cavoli”. Di Guardo aggiunge che un carabiniere sta eseguendo una serie di riscontri al fine di conoscere gli elementi in possesso degli investigatori. “adesso c’ho il carabiniere che sta indagando su quello che sa la Finanza…e lunedì mi viene e riferire”. Nella stessa conversazione si accordano sulle precauzione da prendere per le mosse future. Di Guardo afferma “… hanno fatto delle fotografie alla casa, stanno piazzando microspie, cose, dentro la casa e dice che io incontro imprenditori a casa. Quindi primo provvedimento…”

E Bisceglia aggiunge: “dimentichiamoci l’indirizzo! Cancelliamolo” Di Guardo osserva: “e se hanno messo un gps nella macchina lo faccio controllare lunedì, adesso sto con la macchina sua. Una città di m… che vedi fare? Un carabiniere e un poliziotto che stanno cercando di scoprire che cosa c’è sotto, che abbiamo scoperto per caso. Stavo tornando a casa che siamo stati in Sicilia, è venuto Marcello (Martire ndr) ha visto uno dietro un cespuglio che faceva fotografie, l’abbiamo seguito, abbiamo preso il numero di targa della macchina, ha fatto fare un controllo dalla Polizia, la macchina era della Finanza… Poi ehm… la Finanza ha chiamato il poliziotti e gli ha detto “perchè hai fatto il controllo sulla nostra macchina?” Il poliziotto dice: “no, perchè è una casa dove stanno due donne sole. Ci hanno fatto una segnalazione, quindi abbiamo controllato per farle stare tranquille” quindi hanno spiegato che cosa c’è.

C’è una indagine da un mesetto, perchè qualche c…ha scritto una lettera anonima…” e inoltre, più avanti: “…adesso , intanto a casa fine del discorso! E adesso mi faccio un numero intestato a sua madre (si riferisce alla madre di Corina Boicea) così quando dobbiamo parlare parliamo ma sicuramente non parlo nè a casa e nè all’ufficio. Se parlo, parlo in mezzo alla strada”. Mostrando di aver ricevuto le informazioni sulle indagini più avanti dice:“…perchè una delle cose che hanno scritto pare, perchè poi me lo danno un po’ alla volta, perchè non vogliono dare nell’occhio: “il direttore non c’è mai!” Io a pranzo esco tutti i giorni fuori. Quindi deve essere uno del posto…”

Sparatoria a Tramontone, ferito un 24enne

Raggiunto da almeno due colpi di pistola, un giovane di 24 anni, è stato ferito questa mattina, intorno alle 11 nelle strade del quartiere Tramontone ed esattamente in via Mediterraneo. Il giovane è stato bersagliato da numerosi colpi di pistola esplosi da un uomo a bordo di una moto. Due di questi lo hanno raggiunto […]

Coronavirus, dati in picchiata: in Puglia 1.101 contagi e 6 decessi

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 10.145 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.101 casi positivi, così suddivisi: 334 in provincia di Bari, 62 nella provincia BAT, 118 in provincia di Brindisi, 166 in provincia di Foggia, 243 in provincia di Lecce, 164 in provincia di Taranto, 9 […]

Uccisa e fatta a pezzi. Fermata la figlia

Era originaria di San Giorgio Jonico, la donna uccisa, fatta a pezzi e messa nella vasca da bagno nella sua abitazione a Melzo, in provincia di Milano. La donna sarebbe stata uccisa nel suo appartamento diverse settimane fa. In stato di fermo la primogenita; ad insospettirsi l’altra figlia della donna. Il cadavere sezionato con una […]

Sequestrato mezzo milione di shoppers

Sotto sequestro mezzo milione di shoppers. Nell’ambito di una mirata campagna di controlli, incentrata sulla verifica sulle borse di plastica poste in commercio i militari delle Stazioni Carabinieri Forestale della provincia jonica, coordinati dal Nucleo investigativo di polizia ambientale, agroalimentare e forestale del Gruppo Carabinieri Forestale di Taranto, hanno eseguito un’attività di controllo nel mercato […]