Accoltellamento in disco. In 4 nei guai per falso

TARANTO – Accoltellamento in discoteca : indagati l’organizzatore dell’evento, un addetto alla sicurezza e un pr per il reato di falsa testimonianza.
L’episodio è avvenuto nel febbraio 2013 in una nota discoteca tarantina.
Aggredito e accoltellato in modo grave un ufficiale della marina mercantile per un piede calpestato sulla pista da ballo. Futili motivi che nella notte tra il 9 e il 10 febbraio  portarono al ferimento dell’uomo. Qualche settimana dopo i carabinieri della Compagnia del capoluogo jonico  notificarono ordinanze di custodia cautelare in carcere a tre giovani, accusati di tentato omicidio. In cella finirono V. L., 30 anni, G. D., 20, e G.S., 22, tutti già noti alle forze dell’ordine.
La vittima venne trovata per terra vicino alla discoteca dai militari dell’Arma e dai soccorritori del 118. Il malcapitato era sanguinante e privo di sensi. Era stato accoltellato all’addome, alla schiena e al collo.
L’ufficiale della marina mercantile venne sottoposto ad un delicato intervento chirurgico e rimase ricoverato in ospedale per oltre venti giorni, con riserva di  prognosi. Ora per quell’ episodio la Procura tarantina  ha fatto notificarono l’avviso di conclusione delle indagini preliminari a quattro persone.
 Dinanzi ai giudici della prima sezione penale del tribunale avrebbero detto il falso o taciuto in tutto o in parte su ciò che sapevano in ordine al tentato omicidio avvenuto in discoteca. Per l’accusa l’organizzatore dell’evento, un quarantenne, ha negato di aver visto l’aggressione ai danni dell’ufficiale della marina mercantile.
L’addetto alla sicurezza, un quaranta­duenne, ha dichiarato di non essere mai entrato all’interno della discoteca per portare via il ferito e di aver rinvenuto la vittima per terra vicino ad un palo e di essersi intrattenuto con uno dei presunti autori del ferimento pochi istanti prima dell’aggressione.
Il pr, un quarantunenne, sempre secondo l’accusa avrebbe negato di aver visto i ragazzi cui aveva venduto i biglietti in discoteca e negato di aver assistito al pestaggio.
Indagata anche una conoscente di uno dei presunti autori dell’accoltellamento.
La donna, che ha ventisei anni, ha dichiarato ai giudici che lo conosceva da soli due mesi, che era un’amica di famiglia e che era stata sempre da sola in sua compagnia la sera del 10 febbraio.

Porto e aeroporto di Taranto, «La logistica farà crescere la Puglia»

«La Puglia può crescere e favorire lo sviluppo socio economico dei pugliesi se gioca, come sta già facendo, due importanti partite: quella della green economy e quella della blue economy, strettamente legata al settore strategico della logistica». Lo ha sottolineato l’assessore allo Sviluppo Alessandro Delli Noci. «La Puglia – ha aggiunto – conta 4 grandi […]

Coronavirus, in Puglia 2.407 contagi e 14 decessi. Ma i reparti si svuotano

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 17.522 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 2.407 casi positivi, così suddivisi: 830 in provincia di Bari, 169 nella provincia BAT, 189 in provincia di Brindisi, 311 in provincia di Foggia, 482 in provincia di Lecce, 394 in provincia di Taranto, 22 […]

Donna muore dopo tre interventi, dalla Asl Taranto risarcimento da oltre un milione

Dopo due gradi di giudizio, la famiglia di una donna di 77 anni, deceduta all’ospedale SS Annunziata ha ottenuto un risarcimento danni di un milione e 250mila euro. I familiari della vittima sono stati assistiti da Giesse Risarcimento Danni, che li ha accompagnati, con il contributo dei suoi legali fiduciari, lungo tutto il complesso iter […]

Accelerata all’innovazione dei servizi al cittadino

A distanza di due settimane dalla richiesta della Cisl Fp al Comune di Taranto, di valutare lo stato di digitalizzazione dei servizi offerti dall’Ente e di avviare il processo di transizione digitale con i fondi del Pnrr, sviluppato in totale coerenza con il NextGenerationEU, il segretario aziendale della Cisl Fp Fabio Ligonzo, apprende «con favore […]