x

x

Giro di auto rubate, preso un tarantino

Giro di auto rubate: nella rete anche un tarantino.

Si tratta di un quarantaseienne che è stato fermato insieme ad una brindisina di trentadue anni dalle Polstrade di Brindisi e Avellino. Rispondono di falso, truffa, ricettazione e riciclaggio di veicoli. Indagata a piede libero un’altra brindisina. Le indagini avviate dopo la denuncia di un residente in una cittadina della provincia di Avellino, che si è accorto di aver acquistato, in buona fede, un’auto con telaio, documenti e targhe contraffatti. La vendita, avvenuta a ottobre a Brindisi, era stata perfezionata da due donne brindisine, appartenenti ad una organizzazione criminale che opera attraverso i canali della vendita on-line e specializzata nel furto, ricettazione e riciclaggio di auto, attraverso la contraffazione di targhe e documenti di guida, e di carte di circolazione rubate negli gli uffici della Motorizzazione civile.

Simulando l’interesse per l’acquisto di un’auto Fiat 500L, gli agenti della Polizia stradale di Avellino, hanno bloccato il tarantino e la brindisina, Avevano raggiunto il piazzale dell’ospedale “Perrino” per mostrare l’auto al compratore. Erano in possesso di documenti di riconoscimento falsi. Anche la targa e i documenti di circolazione erano taroccati. Nel corso dell’operazione i poliziotti hanno sequestrato le autovetture, diverse patenti di guida contraffatte, targhe false, carte di circolazione intestate a persone inesistenti e centraline di veicoli decodificate.