x

x

Lite con accoltellamento: un fermo

Un 39enne georgiano preso dalla Squadra Mobile. Sconosciuto il movente
La Squadra Mobile della Polizia

Una lite finisce con un accoltellamento: la Polizia di Stato identifica e sottopone a fermo l’autore del ferimento. Sono stati gli agenti della Squadra Mobile a fermare un cittadino di nazionalità georgiana di trentanove anni ritenuto presunto responsabile di tentato omicidio. Le indagini sono partite dopo che i medici del pronto soccorso del Ss. Annunziata hanno segnalato l’arrivo di un uomo in codice rosso con una ferita al torace provocata da un’arma da taglio. Immediato il collegamento con una telefnata fatta poco prima, allacentrale operativa della Questura relativa ad una lite avvenuta sul Lungomare del capoluogo jonioco tra due uomini, uno dei quali si sarebbe allontanato a bordo di un’autovettura di grossa cilindrata, di colore grigio.

Da una prima ricostruzione della vicenda e dal confronto tra le dichiarazioni, parziali, della vittima e della moglie, sembra che, uscito di casa verso la mezzanotte dopo una telefonata, il ferito sarebbe stato accoltellato per motivi di viabilità da uno sconosciuto, poi fuggito a bordo di una macchina. Di fronte alla non poco chiara situazione, gloi investigatori della Squadra Mobile persona personma che è stata poi fermata, perché identificata dalla Squadra Volante la sera prima a bordo di un’auto parcheggiata davanti al pronto soccorso.

Dalla ricostruzione fatta dagli agenti attraverso le dichiarazioni raccolte tra i conoscenti del presunto autore e l’esame dei tabulati telefonici, sembra che la sera prima, il trentanovenne , in stato di alterazione alcolica e fortemente arrabbiato con la vittima (per motivi ancora da approfondire), avrebbe chiamato il suo connazionale, dandogli appuntamento sul Lungomare. Proprio nel corso di quell’incontro, dopo diverse offese verbali, si sarebbe passati alle vie di fatto, arrivando all’accoltellamento segnalato al 113 e l’autore sarebbe poi fuggito a bordo dell’auto, mentre il ferito avrebbe raggiunto a piedi il pronto soccorso. Considerati i gravi indizi di colpevolezza e il concreto pericolo di fuga, il trentanovenne georgiano è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto perché ritenuto presunto responsabile di tentato omicidio e nel contempo sono stati trasmessi gli atti all’autorità giudiziaria Dopo le formalità di rito è stato condotto nella casa circondariale.