x

x

Slittano le elezioni, «Continua l’inciucio tra destra e Pd»

Lo slittamento delle elezioni provinciali, decretato dal presidente Martino Tamburrano, provoca la reazione dell’opposizione.

Sull’argomento, infatti, si registra la presa di posizione di Mino Borraccino. «Improvvisamente, a meno di 24 ore dalla presentazione delle liste per l’elezione del Consiglio Provinciale di Taranto, il presidente Tamburrano emana un Decreto che rimanda di ulteriori 90 giorni la votazione per il rinnovo del Consiglio Provinciale stesso. Con i consiglieri comunali e i sindaci di alcuni importanti comuni della Provincia, con il collega Gianni Liviano e col consigliere provinciale Dante Capriulo, abbiamo lavorato per consolidare una Lista progressista espressione di un progetto politico di alternativa pronto a rappresentare ed affrontare le nuove esigenze di cambiamento della nostra provincia, emerse fortemente nelle scorse tornate elettorali.

Purtroppo però scandalosamente ci troviamo a dover rimandare il confronto elettorale per volontà del Presidente Tamburrano e dei consiglieri provinciali di Pd, Forza Italia e Realtà Italia che si confermano ancora saldamente uniti per ostacolare l’attività democratica. Soprattutto – rimarca Borraccino – non ci spieghiamo quali possano essere state le ragioni che hanno motivato questo repentino rinvio delle votazioni, che non giova alla città e alla provincia, che invece necessitano di una svolta attiva e di una rappresentanza attenta ai bisogni dei cittadini e pronta a ritrovare la sinergia tra l’istituzione e i Comuni.

Ormai l’inciucio destra-Pd a Taranto è consuetudine: una aberrazione a cui non possiamo più assistere. Invito il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ed il segretario regionale del Pd, il collega Marco Lacarra, a prendere le distanze da questo inciucio che sembra non voler aver fine in riva allo Jonio».