x

x

Il centro sociale resta abbandonato

I lavori sono finiti ma la struttura resta abbandonata.

E’ il caso del nuovo centro sociale di Lama. «A distanza di un anno dalla realizzazione dell‘opera, che si trova tra la Circonvallazione dei Fiori e via Lama, non è ancora stata utilizzata – racconta Alfredo Luigi Conti, presidente del movimento Taranto, Diritto di Volare. Non è stata inaugurata, nè è stato fatto alcun bando per affidarla ad una associazione capace di gestire la struttura.

Non ci sono recinzioni a proteggere il centro sociale che gli anziani, che vivono in questa zona di Taranto, aspettano con ansia. Nel frattempo i campi da bocce, in assenza di alcun tipo di manutenzione, restano sommersi dalle erbacce».

Alfredo Conti, quindi, si rivolge direttamente al sindaco, affinchè «accolga la nostra richiesta che ha l’obiettivo di consegnare, in breve tempo, la struttura alla cittadinanza. Anche perchè – sottolineano dal movimento Taranto, Diritto di Volare – il centro è stato realizzato con i soldi dei contribuenti quindi deve, in qualche modo, tornare ai tarantini che vivono in questa parte periferica della città». Per il centro sociale di Lama un destino comune a quello di altre opere realizzate dall’amministrazione comunale. Ultima, in ordine di tempo, la piazzetta che si trova tra la discesa Vasto ed il pendio La Riccia. Gli interventi di riqualificazione, partiti a fine marzo e che hanno comportato il trasferimento del mercato del pesce, sono terminati ormai da mesi ma il destino di quella piazza resta incerto. Nei giorni scorsi alcuni residenti della Città Vecchia hanno espresso malcontento per la situazione di incuria della piazza. Attorno alla recinzione sono stati appesi cartelli che riassumono la vicenda.

Eloquente il titolo: «Alle calende greche tarantine».