x

x

Il nuovo assetto della Questura di Taranto

Il questore Stanislao Schimera ieri ha presentato il nuovo assetto della Questura.

L’incarico di capo di gabinetto sarà ricoperto dal primo dirigente Maurizio Scialpi, il quale ha frequentato presso la Scuola Superiore di Polizia il 32^ corso di formazione dirigenziale. Il primo dirigente Cosimo Candita andrà a dirigere la Divisione di Polizia Anticrimine. Il dottor Candita proveniente dalla Digos di Reggio Calabria ha già rivestito importanti incarichi nella Questura tarantina.

La Digos sarà diretta dal vice questore aggiunto Pierfranco Amati che aveva ricoperto l’incarico di funzionario addetto alla Squadra Mobile. Il commissario capo Giovanni Di Maggio già portavoce della Questura sarà il nuovo funzionario addetto alla Squadra Mobile. Alla Divisione di Gabinetto con l’incarico di funzionario addetto e di portavoce della Questura è stata incaricata il commissario capo Ilaria Grippa, proveniente dalla Questura di Lucca.

Proveniente dalla Questura di Reggio Calabria il commissario capo Antonio Gaetani andrà a dirigere il Commissariato cittadino del “Borgo”. Il dottor Gaetani è stato anche nominato responsabile del centro “Hotspot”. Il commissario capo Carlo Cattaneo, proveniente dalla Questura di Massa Carrara, assumerà l’incarico di funzionario addetto alla Divisione di Polizia Anticrimine. La dirigenza del Commissariato di Grottaglie è stata assegnata al commissario capo Andrea Rosato, già in servizio presso la Questura di Taranto come funzionario addetto all’U.P.G.S.P.. Il dottor Pignatelli dalla dirigenza del Commissariato Borgo è stato destinato alla U.P.G.S.P. con l’incarico di funzionario addetto.