x

x

Falsi rinnovi di patente, patteggiano in trenta

Falsi rinnovi di patente: trenta richieste di patteggiamento e quattro di abbreviato. Gli altri trentatrè, tra automobilisti e titolari di autoscuola, potrebbero essere processati con il rito ordinario.

Le decisioni il 4 e il 21 marzo. Stamattina l’udienza dinanzi al gup del tribunale di Lecce, dottor Carlo Cazzella. Nelle indagini coordinate dal pm, dott.ssa Angela Rotondano, persone residenti a Taranto, Manduria, Pulsano, San Giorgio Jonico, Monteparano, Monteiasi, Sava, San Marzano e Avetrana. Tutte coinvolte in un giro di patenti rilasciate attraverso false attestazioni.

Secondo l’accusa sono stati effettuati numerosi inserimenti nel sistema informatico della Motorizzazione, da parte di un funzionario finito sotto accusa, su una serie di dati falsi relativi al possesso di patenti estere o rilasciate da autorità militari convertite in patenti ordinarie italiane. Nel corso dell’inchiesta è venuto a galla il fraudolento conseguimento o rinnovo di patenti abilitanti alla guida di mezzi pesanti o di trasporto persone a titolo professionale. I carabinieri hanno infatti accertato che quattro persone, vantando il possesso di titoli di guida conseguiti in modo illecito, sono entrate in graduatoria in pubblici concorsi per autisti di autobus in aziende municipalizzate. Alla base del giro illecito il pagamento di decine di migliaia di euro.

Le tariffe, a seconda della procedura erano varie: a partire da 150 euro.

Le indagini dell’Arma di Manduria sono partite nel 2014 dopo che i militari hanno fermato l’autovettura di un uomo già noto alle forze dell’ordine più volte sanzionato per guida senza patente. Aveva una patente nuova. Gli investigatori hanno scoperto attraverso i registri della Motorizzazione che il titolo di guida rilasciato al pregiudicato costituiva la riconversione della patente militare che l’intestatario non aveva mai conseguito. Gli accertamenti svolti sul funzionario che aveva istruito la pratica hanno consentito di scoprire il giro illegale.

Nel collegio di difesa tra gli altri gli avvocati Salvatore Maggio, Maurizio Besio, Angelo Casa, Luigi Danucci, Fausto Soggia, Franz Pesare, Claudio Petrone, Gaetano Vitale, Antonio Giannattasio, Nicola Marseglia, Adriano Minetola, Fabio Falco, Armando Pasanisi, Giuseppe Argentino, Antonio Liagi, Lorenzo Bullo, Vincenzo Gaudio, Daniele D’Ambrosio, Daniele D’Elia, Leonardo Lanucara, Davide Parlatano, Michele Franzoso, Nicola D’Andria, Dario Duggento.