x

x

La cultura scientifica sbarca a Taranto

Questa settimana Taranto diventerà per due giorni “capitale della matematica” ospitando gli “Allenamenti della mente”, uno stage di preparazione per le tradizionali gare delle Olimpiadi di Matematica a favore di studenti dei principali licei scientifici del territorio.

La manifestazione, promossa dal Liceo Scientifico “G. Battaglini” in collaborazione con l’associazione “Amici del Battaglini”, si terrà presso il Dipartimento Jonico dell’Università di Bari, in via Duomo n.259 a Taranto, dalle ore 9 alle 18 nelle giornate di lunedì 6 e martedì 7 febbraio prossimi. È una delle iniziative del liceo scientifico “G. Battaglini” per la diffusione della cultura scientifica sul territorio, presentate in conferenza stampa, alla presenza della professoressa Patrizia Arzeni, dirigente scolastica del “G. Battaglini”, docenti del Dipartimento di Matematica dell’istituto scolastico, Giovanni Locafaro, presidente del Consiglio di Istituto, e Mauro Manzo Margiotta, presidente dell’Associazione “Amici del Battaglini”.

La professoressa Patrizia Arzeni ha spiegato che «le attività previste nelle due giornate coinvolgeranno non solo i più importanti Licei e Scuole Superiori della provincia jonica, ma questa volta anche alcuni Istituti scolastici delle provincie di Bari, Brindisi, Lecce e Matera. In questa occasione, in particolare, circa duecento studenti appassionati ai problemi del calcolo combinatorio, della teoria dei numeri, all’algebra e alla geometria si avvarranno anche delle lezioni di Kirill Kuzminn e Giuseppe Romanazzi, due giovani brillanti ricercatori dell’Unione Matematica Italiana, realtà con cui il Liceo “Battaglini” collabora da anni per tale progetto». In tal senso nella giornata di domani, in occasione dell’ultimo Open Day a favore delle famiglie che nel prossimo anno intendono iscrivere i figli all’istituto scolastico, presso il Liceo “Battaglini” sarà inaugurata la mostra interattiva “Tracciando curve e trasformando figure”.

A Taranto, per la prima volta nel Meridione, saranno esposte le perfette riproduzioni di antichi strumenti geometrici e macchine matematiche della collezione storico-strumentale del Laboratorio di Matematica dell’Università di Modena e Reggio Emilia; nella mostra tarantina, in particolare, saranno esposte diciannove “macchine” presentate in due sezioni: “Curvigrafi” e “Macchine per le trasformazioni nel piano”. Tutti i visitatori, la mostra sarà visitabile fino al 2 aprile prossimo negli orari di apertura del “Battaglini”, potranno sperimentare “dal vivo” l’uso di questi dispositivi di “geometria meccanica”; i giovani studenti, in particolare, potranno “giocare con le curve”, “inventare figure” e, quindi, imparare con più facilità.