x

x

Rapinò anziana, chiesti 3 anni

TARANTO – Chiesta una condanna a tre anni e quattro mesi di reclusione per una  rapina ad un’anziana avvenuta a giugno scorso.  
Roberto Ferrante, tarantino di 48 anni, viene giudicato con il  rito abbreviato dal gup del tribunale di Taranto.
Il difensore dell’uomo, l’avvocato Maurizio Besio, ha chiesto che il reato di rapina sia riqualificato nel reato di  scippo. Nelle prossime ore potrebbe arrivare la sentenza. Ferrante ha preso di mira una donna di 70 anni che stava per entrare nell’ascensore del palazzo in cui abita. La vittima ha riferito alla polizia di essere stata avvicinata da uno sconosciuto che, fingendo di parlare al telefono cellulare, era entrato nell’androne.
Hanno preso insieme l’ascensore e una volta all’interno, ha chiesto all’anziana a che piano scendesse. Giunti al secondo piano, subito dopo l’apertura delle porte della cabina l’uomo ha verificato che sul pianerottolo non vi fosse nessuno, ha spintonato la malcapitata e si è impos­sessato della collana d’oro. Sulla scorta della dettagliata descrizione fornita dalla vittima e grazie alle riprese filmate dei sistemi di videosorveglianza  della zona, i poliziotti hanno  identificato l’autore e lo hanno preso  in via Mazzini.
Quest’ultimo, alla vista dei poliziotti, ha tentato di scappare ma è stato subito  bloccato con indosso gli stessi indumenti che aveva  durante la rapina ai danni della settantenne in uno stabile del rione Italia. Ora nel processo con il rito abbreviato il pm ha chiesto una condanna a tre anni e quattro mesi.