x

x

Buonasera

Pazienti in barella nei corridoi? Solo in sosta

«In alcuni momenti, corrispondenti alla tarda serata e soprattutto alle prime ore del mattino (momenti coincidenti con gli accessi alla degenza dei pazienti provenienti in barella dal Pronto Soccorso), i pazienti possono sostare nel corridoio transitoriamente per il tempo strettamente necessario all’ingresso in “medicheria” per la presa in carico clinica ed assistenziale ed alla successiva sistemazione nelle stanze di degenza».

Così l’Asl replica alla denuncia del consigliere regionale Mino Borraccino che, nei giorni scorsi, aveva segnalato almeno dieci pazienti ricoverati nel reparto Medicina dell’ospedale Ss. Annunziata di Taranto. In particolare, il caso a cui faceva riferimento il consigliere regionale di Sinistra Italiana, si sarebbe verificato lo scorso 2 marzo quando «alle ore 8, erano presenti 10 pazienti in sovrannumero allocati in barella, alcune in corridoio altre in medicheria. Tra questi vi era un paziente ricoverato al Pronto Soccorso per una severa anemia secondaria ed emorragia del tratto digestivo superiore che alle ore 9 circa si aggravava con un ulteriore episodio di ematemesi. Critiche le condizioni di altri pazienti tra i quali ve ne era uno a carico della Medicina e allocato in Osservazione Breve ricoverato per iperpiressia e sinusite».

Dall’Asl di Taranto, però, in una nota firmata dal dg Stefano Rossi, dal direttore Uoc di Medicina Interna, Fernando Sogari e dal direttore sanitario Matilde Carlucci, spiegano che «on corrisponde al vero che nel Reparto di Medicina del S.S.Annunziata ci siano, e ci siano mai stati, pazienti ricoverati nel corridoio. Vero è, invece, che in queste settimane di iperafflusso, ancora conseguente all’epidemia influenzale, l’Area medica del Presidio Centrale registra un numero di ricoveri superiore alla media. In alcuni momenti, corrispondenti alla tarda serata e soprattutto alle prime ore del mattino (momenti coincidenti con gli accessi alla degenza dei pazienti provenienti in barella dal Pronto Soccorso), i pazienti possono sostare nel corridoio transitoriamente per il tempo strettamente necessario all’ingresso in “medicheria” per la presa in carico clinica ed assistenziale ed alla successiva sistemazione nelle stanze di degenza.

Ciò non di meno, segnatamente al fine di porre in essere le azioni più opportune per ottimizzare la disponibilità di posti letto a disposizione del Pronto Soccorso, la Direzione Generale – si legge nella nota dell’Azienda sanitaria locale – ha dato mandato ai Direttori competenti di elaborare un protocollo operativo che faccia fronte alle situazioni ordinarie, a quelle di sovraffollamento e di crisi».

Così Eva Degl’Innocenti ha cambiato il MArTA

Se Marta fosse una donna, e non MArTA, Museo Archeologico Nazionale di Taranto, si potrebbe dire che lei, Eva, l’ha condotta per mano in un percorso a là Benjamin Button: da signora piacente ma un po’ agée a ragazza stilosa, che sa usare i social, ama il rock e la tecnologia. I sei anni e […]

Coronavirus, in Puglia meno di 30mila contagiati. Oggi 1.478 casi e 4 decessi

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 13.189 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.478 casi positivi, così suddivisi: 460 in provincia di Bari, 97 nella provincia BAT, 139 in provincia di Brindisi, 213 in provincia di Foggia, 323 in provincia di Lecce, 228 in provincia di Taranto, 13 […]

Sull’ex Ilva il Governo deve dare prova di responsabilità

L’ennesima manifestazione tenutasi a Taranto lo scorso 22 maggio, contro lo stallo che caratterizza il siderurgico di Acciaierie d’Italia, non può continuare a vedere gli Organi dello Stato distratti ed inconcludenti, atteso che i reiterati interventi dei rappresentanti locali della politica sembrano non incidere né orientare verso decisioni definitive. Si è, infatti, come in un […]

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]