x

x

Buonasera

Massacrato chi non pagava

TARANTO – La spedizione punitiva era la specialità dell’organizzazione capeggiata da Antonio Campeggio. Il gruppo agiva con ferocia creando un clima di terrore. Pestava a sangue gli imprenditori e i commercianti che non volevano pagare il pizzo. In una circostanza a una delle vittime ha rotto il setto nasale e procurato un trauma cranico colpendolo con un casco da motociclista.
Le spedizioni punitive servivano soprattutto per rafforzare l’egemonia dell’organizzazione. È il caso della tentata estorsione operata da Antonio Campeggio, Agostino De Pasquale ed Erminio Vitillio nei confronti dei vincitori dell’appalto per la realizzazione della 272^ fiera “Pessima” manduriana dell’anno 2012, costretti, dietro minaccia, a versare trentamila euro di tangente, con la giustificazione tra l’altro, da parte di Campeggio, quale “responsabile di zona”, di dover accontentare persone di Bari, di Taranto e di Mesagne. Ed ancora della tentata estorsione imposta nella primavera del 2013, da Vito Mazza ai danni di una ditta di infissi, attraverso il danneggiamento di un’autovettura e l’esplosione di un colpo di fucile caricato a pallettoni contro una finestra di un punto di esposizione dell’azienda situata a Manduria, per costringere il titolare a versare un pizzo di quindicimila euro.
Analoghi episodi sono riconducibili a Campeggio e a Davide Biasi. A imprenditori di Manduria venivano fatte richieste esplicite di denaro dietro la promessa di “protezione” oppure con l’invio di cartucce.
Cataldo Panariti, ad esempio, è accusato insieme ad altri di una tentata estorsione ai danni del titolare di un’impresa di onoranze funebri, il quale tuttavia è risultato essere già sotto la protezione della delinquenza brindisina, quindi col rischio di una possibile guerra tra bande. Un vero e proprio atto di forza dell’organizzazione criminale che operava a Sava capeggiata da Giuseppe Buccoliero.
A dimostrare la pericolosità del gruppo la disponibilità per Campeggio, Lorusso e Vitillo di armi automatiche predisposte per il tiro a raffica.
Contestati anche lo spaccio di cocaina, eroina e marijuana, promosso da Antonio Campeggio e Daniele Lorusso e il riciclaggio, avendo alcuni indagati (fra i quali Riccardo De Santis, acquistato dal clan “D’Amore-Campeggio”, migliaia di capi di abbigliamento per un valore di cento­cinquan­tamila euro da pagare in denaro contante, occupandosi poi dello smistamento, commercializzazione, trasferimento e sostituzione in nero e senza fatture. Intanto il presidente dell’Associazione antiracket Taras (già associazione antiracket Salento Taranto) Cosimo Sessa a nome di tutti i soci dell’associazione ha espresso apprezzamento e gratitudine alle forze dell’ordine e alla magistratura per l’operazione “Impresa” portata a termine dalla Squadra Mobile.
“Nell’affermare con forza il ruolo strategico e meritorio della Polizia di Stato e di tutte le forze dell’ordine impegnate quotidianamente nella salvaguardia della legalità e della sicurezza dei cittadini- scrive Sessa- rivolgiamo ancora una volta un appello alle istituzioni affinché il personale delle forze dell’ordine sia oggetto di continua attenzione e supporto”.

Così Eva Degl’Innocenti ha cambiato il MArTA

Se Marta fosse una donna, e non MArTA, Museo Archeologico Nazionale di Taranto, si potrebbe dire che lei, Eva, l’ha condotta per mano in un percorso a là Benjamin Button: da signora piacente ma un po’ agée a ragazza stilosa, che sa usare i social, ama il rock e la tecnologia. I sei anni e […]

Coronavirus, in Puglia meno di 30mila contagiati. Oggi 1.478 casi e 4 decessi

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 13.189 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.478 casi positivi, così suddivisi: 460 in provincia di Bari, 97 nella provincia BAT, 139 in provincia di Brindisi, 213 in provincia di Foggia, 323 in provincia di Lecce, 228 in provincia di Taranto, 13 […]

Sull’ex Ilva il Governo deve dare prova di responsabilità

L’ennesima manifestazione tenutasi a Taranto lo scorso 22 maggio, contro lo stallo che caratterizza il siderurgico di Acciaierie d’Italia, non può continuare a vedere gli Organi dello Stato distratti ed inconcludenti, atteso che i reiterati interventi dei rappresentanti locali della politica sembrano non incidere né orientare verso decisioni definitive. Si è, infatti, come in un […]

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]