x

x

Tentano furto in appartamento, ma finiscono in cella

Hanno tentato di
rubare in un appartamento del centro di Massafra.

I
carabinieri hanno sorpreso ed arrestato
due georgiani.
Sono stati i militari della Stazione,
insieme ai loro colleghi dell’Aliquota
radiomobile della Compagnia di
Massafra, a cogliere con le mani nel
sacco il trentunenne Irakli Katharava
e il trentanovenne Kuram Cocevi,
entrambi di nazionalità georgiana ma
domiciliati a Bari.
La scorsa notte è giunta alla centrale
operativa dei carabinieri una richiesta
di intervento da parte di un inquilino
di uno stabile che aveva sentito dei
rumori sospetti provenire da un
appartamento vicino al suo.

L’operatore di turno ha inviato sul posto
una pattuglia della locale Stazione e una
pattuglia dell’Aliquota radiomobile,
entrambe impiegate in mirati servizi
di prevenzione e repressione dei reati
contro il patrimonio.
I militari intervenuti nel palazzo
hanno sopreso i due georgiani mentre
erano ancora intenti a forzare le
serrature delle porte d’ingresso di due
appartamenti.
I malviventi sono stati bloccati e
condotti in caserma e al termine
delle formalità di rito sono stati
dichiarati in arresto e, su disposizione del magistrato di turno presso la
Procura del capoluogo jonico, sono
stati trasferiti nella casa circondariale
di Taranto.

Sempre i carabinieri, a Lizzano hanno
arrestato un 26enne trovato in possesso
di 45 grammi di hashish e denunciano
in stato di libertà un suo coetaneo
sorpreso con una mazza da baseball
in auto.
I militari dell’Aliquota radiomobile
della Compagnia di Manduria, durante
un servizio finalizzato alla prevenzione
e repressione di reati, hanno arrestato
per detenzione di sostanze stupefacenti
ai fini di spaccio, un 26enne lizzanese.
Il giovane, notato a bordo di
un’autovettura sospetta condotta
da un suo coetaneo, sottoposto a
perquisizione personale, è stato
trovato in possesso di 45 grammi di
hashish. La successiva perquisizione
domiciliare ha consentito, inoltre,
di rinvenire, nella disponibilità del
giovane, un cutter ancora intriso di
sostanza stupefacente.Il 26enne è stato
dichiarato in arresto e, su disposizione
del pm di turno, condotto nella casa
circondariale di Taranto.

Il suo amico è stato invece denunciato
per detenzione di oggetti atti ad
affendere. Nell’auto aveva nascosto una
mazza da baseball.