x

x

​L’urlo dei 50mila: «Non siamo la città dell’acciaio»​

«Taranto non è la
città dell’acciaio, può puntare su
altre economie, e deve essere riconosciuta
per quello che è».

Si può riassumere così, usando le
parole di Michele Riondino, il Concerto
del Primo Maggio a Taranto,
edizione 2018.
«Questo concerto ha un sapore diverso»
hanno sintetizzato i Modena
City Ramblers, che da testimonial
dell’evento ‘confederale’ di Roma
hanno fatto rotta invece su Taranto.
Proprio dal palco della manifestazione
di Cgil, Cisl e Uil è arrivato
un saluto a Taranto, mentre sui social network più di un utente ha
espresso la propria preferenza per il
concerto tarantino rispetto a quello
romano.Anche quest’anno al Parco
delle Mura Greche del resto si
sono alternati nomi davvero molto
importanti della scena musicale
italiana.