x

x

​Stabilimento “Leonardo”, Profumo accoglie Emiliano

GROTTAGLIE – Il Governatore pugliese Michele Emiliano, in visita allo stabilimento Leonardo con l’ad Alessandro Profumo.

Si è svolta nei giorni scorsi presso lo stabilimento Leonardo di Monteiasi- Grottaglie la visita del Presidente del­la Regione Puglia, Michele Emiliano, accompagnato dal Capo di Gabinetto, Claudio Stefanazzi, e dal Capo Di­partimento Sviluppo Economico e Innovazione, Domenico Laforgia.

Ad accogliere la delegazione l’Am­ministratore Delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, che ha così commentato: «abbiamo mostrato al Governatore Emiliano uno degli stabilimenti di Leonardo più moderni e tecnologicamente avanzati. L’indu­stria italiana ha un ruolo significativo nella realizzazione del Boeing 787 Dreamliner, producendo lo stabilizza­tore orizzontale e la sezione centrale e la centro-posteriore della fusoliera, cioè il 14% dell’intera struttura. Circa 1.300 tecnici altamente specializzati realizzano le componenti del velivolo con impianti, macchinari e con pro­cessi produttivi di nuova concezione ed avanzate tecnologie di cui Leonar­do detiene il brevetto».

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha dichiarato: «Il sito di Grottaglie costituisce un’im­portante realtà imprenditoriale che la Regione Puglia segue con particolare attenzione e che rappresenta uno dei più rilevanti asset del comparto dell’aerospazio pugliese. Siamo certi che Leonardo vorrà continuare a in­vestire in una regione che sostiene e incentiva il settore aerospaziale e sono altresì convinto che anche grazie a questa realtà l’aeroporto di Grottaglie consoliderà il suo primato industriale a livello nazionale e internazionale».

«Il complesso industriale di Monte­iasi-Grottaglie – evidenziano dalla Regione – è stato progettato per af­ frontare due rigorose sfide produttive. Ampi spazi, in grado di ospitare un unico fabbricato e la necessità che l’intero insediamento industriale confini con un’area aeroportuale dotata di servizi e infrastrutture ade­guati all’operatività di aerei di grandi dimensioni come il Dreamlifter, la versione cargo del B747 apposita­mente sviluppata per il trasporto dei componenti del 787 Dreamliner a Charleston (South Carolina – USA). L’impianto industriale è composto da 3 navate (circa 65.000 metri quadri, corrispondente a circa 15 campi di calcio), e prevede al suo interno una moderna clean room di circa 175.000 metri cubi. Lo stabilimento di Monte­iasi-Grottaglie Leonardo produce due grandi sezioni di fusoliera (44 e 46) per la versione standard (787-8) e per le versioni allungate (787-9 e 787-10) del Dreamliner».

«La sezione n.44 (8,5 metri di lun­ghezza) è identica per tutte e tre le versioni, mentre la sezione n.46 varia da 10 a 13 metri di lunghezza, richie­dendo differenti processi produttivi e significativi adeguamenti della ca­pacità tecnologia. Ad oggi sono state consegnate alla Boeing 795 coppie di sezioni di fusoliera (la 44 e la 46)».