x

x

Ilva, giorni decisivi per la fabbrica

Ex Ilva

“Pensa l’ironia della
vita: è esattamente quello che accadrà
a te se fai saltare l’accordo con
Mittal senza avere alternative. Chi
di esposto ferisce…”. Così Carlo
Calenda, su Twitter, commenta il
post di Luigi Di Maio che annuncia
l’esposto alla Corte dei Conti per i
ministri precedenti che hanno favorito
Benetton a scapito dello Stato.

Sul caso Ilva si registra anche un
intervento del consigliere regionale
di Liberi E Uguali Mino Borraccino.
“Oramai siamo giunti allo scadere
della proroga e il Governo non dice
cosa vuole fare davvero dell’Ilva. È
veramente singolare che, nonostante
le richieste di Sindacati, Associazioni
ambientaliste, Confindustria, Federmanager, Enti locali e nonostante
l’attenzione del mondo intero sulla
vicenda, il Ministro Di Maio continui
a non dichiarare quale sia la posizione
del Governo su quella che è la più
grande crisi aziendale esistente oggi
nel Paese. Come può un Governo
comportarsi in questo modo in una
vicenda che riguarda la vita di decine
di migliaia di persone e il futuro industriale
del Paese? Caro Ministro Di
Maio, basta con i giochi di prestigio:
non si può far credere al Paese che il
Governo sta valutando ancora tutte
le ipotesi, mentre mancano 15 giorni
allo scadere del commissariamento”.

Intanto i Genitori Tarantini, fautori
della chiusura Ilva, hanno scritto al
ministro della Salute, Giulia Grillo.