x

x

Buonasera

​Ridurre l’addizionale provinciale sulla Tari

«Ridurre l’addizionale provinciale sul­la Tari dal massimo consentito dalla legge». L’appello arriva da Dante Capriulo, consigliere comunale e pre­sidente della commissione Bilancio, ed è indirizzato ai consiglieri provinciali che oggi, in occasione della riunione dell’assise, discotono dell’approvazione del Bilancio previsionale per il 2019.

«Per quello che si legge nella proposta sarà confermata (dopo l’adozio­ne del Presidente del 28/12/2018) anche l’addizionale provinciale sui rifiuti (ex art. 19 del D.Lgs. 504/1992). Tale imposta provinciale, che i 29 comuni della Provincia sono costretti a mettere nelle cartelle dei contribuenti sulla Tari comunale, dovrebbe finanziare “l’esercizio delle funzioni amministrative di interes­se provinciale, riguardanti l’organizzazione dello smaltimento dei rifiuti, il rilevamento, la disciplina ed il controllo degli scarichi e delle emissioni e la tutela, difesa e valorizzazione del suolo” – evidenzia Capriulo. Molto ci sarebbe da discutere su come la partire dalle autorizzazione delle discariche in provincia Jonica che in questi giorni impegnano anche la cronaca giudiziaria. Se poi la Provincia di Taranto abbia “tutelato, difeso e valorizzato il suolo” il giudizio lo lasciamo ai cittadini. Ma quello che oggi interessa è che la Provincia, da alcuni anni (dal 2015) ha la tariffa al massimo previsto per legge: il 5%. A differenza dei comuni che sono obbligati a coprire la propria spesa al 100% del costo – sottolinea il consigliere comunale – la Provincia ha autonomia discrezionale nel fissare tale addizionale.

Perciò i Consiglieri Provinciali possono ridurre questa tassa, sia in ragione che il servizio fornito ai comuni è obiettivamente scarso e sia per non gravare ulteriormente sulle cartelle dei rifiuti che tra un po arriveranno ai 500 mila cittadini della Provincia di Taranto. Spero che tale opportunità sia colta dal Consiglio provinciale di Taranto».

Coronavirus, in Puglia meno di 30mila contagiati. Oggi 1.478 casi e 4 decessi

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 13.189 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.478 casi positivi, così suddivisi: 460 in provincia di Bari, 97 nella provincia BAT, 139 in provincia di Brindisi, 213 in provincia di Foggia, 323 in provincia di Lecce, 228 in provincia di Taranto, 13 […]

Sull’ex Ilva il Governo deve dare prova di responsabilità

L’ennesima manifestazione tenutasi a Taranto lo scorso 22 maggio, contro lo stallo che caratterizza il siderurgico di Acciaierie d’Italia, non può continuare a vedere gli Organi dello Stato distratti ed inconcludenti, atteso che i reiterati interventi dei rappresentanti locali della politica sembrano non incidere né orientare verso decisioni definitive. Si è, infatti, come in un […]

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]

Zes Jonica, opportunità da non perdere

Con l’attesa bollinatura da parte della Corte dei Conti al Commissario della Zes Jonica, avv Floriana Gallucci, entra finalmente nella piena operatività la governance della Zona economica speciale Jonica. Una grande opportunità per l’intero territorio che il Consorzio Asi di Taranto ha voluto immediatamente cogliere invitando presso la propria sede la neo commissaria per fare […]