x

x

Carcere, di notte solo 10 agenti

“La rocambolesca evasione dal carcere di Napoli Poggioreale è l’esempio lampante dell’ insicurezza in cui si trovano la maggior parte (se non la totalità) delle carceri pugliesi e nazionali. E’ mai possibile ad esempio che penitenziari come Taranto con ol­tre 600 detenuti ma con 300 posti disponibili, di cui molti in massima sicurezza, nelle ore serali e not­turne venga gestito da meno di 10 unità?”.

L’allarme viene lanciato ancora una volta dal segretario del Sappe, Federico Pilagatti.

“Tutto ciò fino a qualche anno fa era impensabile poiché i muri di cinta erano presidiati dai poliziotti, gli allarmi antiintrusione e scaval­camento funzionavano (male) ma funzionavano- aggiunge il dirigen­te sindacale- le sezioni detentive erano presidiate e gestite dai poli­ziotti che controllavano in manie ra adeguata tutte le situazioni ga­rantendo sicurezza per loro, per i detenuti, e per le città in cui sono dislocate le carceri, nel rispetto delle leggi. Purtroppo da qualche anno a seguito di precisi disegni politici si è deciso di smantellare qualsiasi presidio di sicurezza nelle carceri, diminuendo il personale di polizia penitenziaria e toglien­do loro qualsiasi possibilità o mez­zi di poter controllare quello che avviene effettivamente nelle sezio­ni detentive. In questa situazione i muri di cinta sono sguarniti se non completamente abbandonati, per cui chiunque potrebbe tentare un evasione come quella di Napo­li, oppure uscire tranquillamente dall’ingresso principale, considera­to che in alcune situazioni, si apro­no delle vere e proprie autostrade con i cancelli aperti.

Tutto ciò i vertici dell’amministra­zione penitenziaria lo sanno da tempo ma fanno finta di niente, poiché quando accadono eventi come quello di Napoli invece di essere i primi a pagare per l’inerzia e precise responsabilità, mandano ispezioni che scaricheranno le col­pe sui vertici del carcere napole­tano, ma soprattutto sul poliziotto che era di servizio quella notte, che doveva vigilare su più sezioni con­temporaneamente da solo.

I vertici del Dap sanno che le car­ceri di Foggia, Taranto, Lecce, e tantissime altre in Italia vivono queste situazioni, ma non si sono preoccupati nemmeno di automa­tizzare i vari cancelli, così da con­sentire ai pochi poliziotti di tenerli almeno chiusi.

Nemmeno i parlamentari 5 Stelle che hanno visitato il carcere di Ta­ranto, la senatrice Piarulli sempre dei 5 Stelle, ex direttrice del carce­re di Trani che ben conosce la si­tuazione, sono riusciti a smuovere di un millimetro un Ministro che predica bene, ma che poi nei fatti si disinteressa, mentre nelle carce­ri, in un giorno qualsiasi, potrebbe accadere di tutto e di più.

A questo punto il Sappe – conclu­de il segretario Federico Pilagat­ti- chiede provvedimento forti per evitare che quanto accaduto a Na­poli possa ripetersi in altre carceri della regione o della nazione, per cui invita il ministro degli Inter­ni, della Giustizia e della Difesa, a varare un provvedimento urgente per impiegare i militari sui muri di cinta delle carceri.”

Sparatoria a Tramontone, ferito un 24enne

Raggiunto da almeno due colpi di pistola, un giovane di 24 anni, è stato ferito questa mattina, intorno alle 11 nelle strade del quartiere Tramontone ed esattamente in via Mediterraneo. Il giovane è stato bersagliato da numerosi colpi di pistola esplosi da un uomo a bordo di una moto. Due di questi lo hanno raggiunto […]

Coronavirus, dati in picchiata: in Puglia 1.101 contagi e 6 decessi

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 10.145 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.101 casi positivi, così suddivisi: 334 in provincia di Bari, 62 nella provincia BAT, 118 in provincia di Brindisi, 166 in provincia di Foggia, 243 in provincia di Lecce, 164 in provincia di Taranto, 9 […]

Uccisa e fatta a pezzi. Fermata la figlia

Era originaria di San Giorgio Jonico, la donna uccisa, fatta a pezzi e messa nella vasca da bagno nella sua abitazione a Melzo, in provincia di Milano. La donna sarebbe stata uccisa nel suo appartamento diverse settimane fa. In stato di fermo la primogenita; ad insospettirsi l’altra figlia della donna. Il cadavere sezionato con una […]

Sequestrato mezzo milione di shoppers

Sotto sequestro mezzo milione di shoppers. Nell’ambito di una mirata campagna di controlli, incentrata sulla verifica sulle borse di plastica poste in commercio i militari delle Stazioni Carabinieri Forestale della provincia jonica, coordinati dal Nucleo investigativo di polizia ambientale, agroalimentare e forestale del Gruppo Carabinieri Forestale di Taranto, hanno eseguito un’attività di controllo nel mercato […]