Città Vecchia, via libera al restauro di tre palazzi storici

Firmati tre disciplinari di incarico con i tre raggruppamenti di professionisti che porteranno entro dicembre alla progettazione esecutiva dei tre importanti palazzi storici di città vecchia. Si tratta del restauro e rifunzionalizzazione del Palazzo Troilo, storica dimora settecentesca affacciata su Piazza Duomo, il restauro del Palazzo Carducci in via Duomo ed il Palazzo attualmente parzialmente crollato su via Garibaldi prospiciente la chiesa di San Giuseppe.

 Palazzo Carducci

Palazzo Carducci

«Si tratta – ha commentato il sindaco Rinaldo Melucci – di tre immobili importantissimi nel quadro della rigenerazione urbana della città vecchia. L’amministrazione sta procedendo celermente per far sì che si possano iniziare i lavori di restauro già dai primi mesi del 2020. Stiamo lavorando affinché la città vecchia ritorni ad essere il cuore pulsante della cultura e dell’economia della città e questi tre edifici, finalmente restituiti al pubblico contribuiranno alla rinascita identitaria ed al riscatto sociale dell’isola madre». «Dalla firma dei contratti – interviene l’assessore comunale ai Lavori Pubblici, Ubaldo Occhinegro – i professionisti avranno 60 giorni di tempo per la consegna dei progetti definitivi che saranno vagliati dalla Soprintendenza, ed ulteriori 30 giorni per la consegna degli esecutivi. Riusciremo quindi all’inizio del 2020 a procedere con l’affidamento dei lavori di restauro che consentiranno di recuperare tre gioielli del nostro patrimonio storico ed Architettonico».

I tre palazzi avranno funzioni legate alla cultura, al turismo ed alla ricettività. Il Troilo diverrà un grande contenitore per le Arti (esposizioni di arte contemporanea, mostre temporanee, laboratori e classi per istituti di arte e musicali etc), il Carducci, con le sue splendide stanze decorate e gli arredi originali sarà un museo dove potranno essere ubicate sale per eventi e conferenze oltre a strutture atte all’implementazione delle attività turistiche dell’ isola. Il palazzo sul Waterfront Mar Piccolo, parte di una più amplia rigenerazione urbana si tutta la parte bassa Dell’isola in capo alla Sisus ed al Cis, sarà una struttura che ospiterà studenti universitari ed alloggi a servizio dell’Università.

Zes Jonica, opportunità da non perdere

Con l’attesa bollinatura da parte della Corte dei Conti al Commissario della Zes Jonica, avv Floriana Gallucci, entra finalmente nella piena operatività la governance della Zona economica speciale Jonica. Una grande opportunità per l’intero territorio che il Consorzio Asi di Taranto ha voluto immediatamente cogliere invitando presso la propria sede la neo commissaria per fare […]

“Conoscere il Pnrr, occasione imperdibile per il Mezzogiorno”

«È il momento di ragionare seriamente sul Pnrr, occasione imperdibile per il nostro Paese e ancor più per il Mezzogiorno e per il nostro territorio che è in ritardo sotto molti punti di vista. Colmare il ritardo e accelerare la trasformazione, aumentando la competitività pubblica e privata devono essere i nostri obiettivi». Così il commissario […]

Verso il voto. Scrutatori nominati, è polemica

«Il forte rischio è che la nomina degli scrutatori possa rappresentare un possibile voto di scambio». Lo afferma Alfredo Venturini, coordinatore della lista Taranto Mediterranea, in riferimento alla nomina degli scrutatori per la composizione dei seggi per le elezioni comunali del 12 giugno. «Abbiamo appreso che il Commissario straordinario Prefetto dott. Vincenzo Cardellicchio al Comune […]

Cosa succederebbe se chiudesse l’ex Ilva

È in corso un dibattito caloroso (Taranto Buonasera del 20/5 parla giustamente di “lite”) sulla situazione reale dell’ex Ilva tra vari soggetti di interessi pubblici (partiti, sindacati, ecc.) ma le preoccupazioni ed il pensiero della popolazione, quella senza posizioni di parte, risultano assenti. Molle tarentum? Forse, ma è doveroso intervenire almeno per dire ciò che […]