x

x

Buonasera

Imprese agricole in netto calo in provincia di Taranto

«Il settore agri­colo pugliese vive da anni un periodo di crisi. Nel 2019 nella regione sono 76.245 le imprese attive di “agricoltori, allevatori, attività di caccia e servizi con­nessi”, in calo del -1% rispetto al 2018 e del -13,2% sul 2010. Un dato, quest’ultimo, in linea con la media nazionale (-14,5%)».

Una fotografia, quella eviden­ziata dallo Studio Legale Laca­landra di Milano, specializzato in diritto fallimentare e crisi da sovraindebitamento, su base dati Unioncamere-InfoCamere (Movimprese), che ha portato tanti piccoli imprenditori del settore prima a indebitarsi e successivamente a non riuscire a pagare i debiti, inclusi quelli fiscali.

«Cosa possono fare questi im­prenditori che si trovano in difficoltà economica? Un aiuto arriva dalla legge sul Sovrain­debitamento (L. 3/2012), che permette a soggetti non fallibili “meritevoli” di ridurre i debi­ti in base alle proprie capacità economiche. Si tratta di una legge che può aiutare concre­tamente le imprese pugliesi del settore agricolo che in anni di difficoltà sono state costrette a dover chiudere. Quali sono le aree geografiche più critiche? Tra le province della regione, nel 2019, rispetto al 2010, il calo maggiore è stato registra­to a Brindisi (-19,3%; 7.248 imprese attive). Seguono Lec­ce (-14,8%; 8.770 imprese), Ta­ranto (-14,6%; 10.382 imprese), Bari (-12,7%; 25.522 imprese), Foggia (-10,4%; 24.324 impre­se). Bari e Foggia sono le città con il numero più alto di impre­se del settore sul territorio».

«La Legge sul Sovraidebita­mento rappresenta una valida soluzione per chi si trova ad affrontare una situazione di dif­ficoltà economica – commenta l’avv. Pasquale Lacalandra – L’obiettivo della legge è, infatti, quello di aiutare anche i piccoli imprenditori a superare mo­menti particolarmente difficili come una congiuntura del mer­cato negativa non prevedibile. I numeri, però, confermano come questa proceduta sia ancora poco utilizzata. È importante che si faccia una maggiore co­municazione su questo tema, in modo da informare i cittadini dell’esistenza di un’alternativa in grado di aiutarli a risolvere i loro problemi. Ma su questo punto bisogna fare chiarezza. Non è una legge per i “furbi”, bisogna essere meritevoli altri­menti non è possibile accedervi. Inoltre, non bisogna dimentica­re che questa procedura risulta vantaggiosa anche per il credi­tore, poiché, senza la ristruttu­razione del debito, correrebbe il rischio di perdere totalmente ogni possibilità di recupero».

«Ad oggi sono tanti i casi risolti positivamente grazie alla legge sul Sovraindebitamento. Il Tri­bunale di Como ha decretato la riduzione di un debito fiscale da circa 1,4 mln a 350 mila euro in favore di una imprenditrice e la riduzione di un debito da 509 mila a 54 mila in favore di un lavoratore dipendente. Il Tribu­nale di Busto Arsizio (VA) ha invece ridotto una cartella esat­toriale Equitalia da 86mila euro a 11mila euro (-87%) mentre il Tribunale di Monza ha ridot­to il debito da oltre 150mila a 52mila euro (-65%)».

Coronavirus, in Puglia meno di 30mila contagiati. Oggi 1.478 casi e 4 decessi

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 13.189 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.478 casi positivi, così suddivisi: 460 in provincia di Bari, 97 nella provincia BAT, 139 in provincia di Brindisi, 213 in provincia di Foggia, 323 in provincia di Lecce, 228 in provincia di Taranto, 13 […]

Sull’ex Ilva il Governo deve dare prova di responsabilità

L’ennesima manifestazione tenutasi a Taranto lo scorso 22 maggio, contro lo stallo che caratterizza il siderurgico di Acciaierie d’Italia, non può continuare a vedere gli Organi dello Stato distratti ed inconcludenti, atteso che i reiterati interventi dei rappresentanti locali della politica sembrano non incidere né orientare verso decisioni definitive. Si è, infatti, come in un […]

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]

Zes Jonica, opportunità da non perdere

Con l’attesa bollinatura da parte della Corte dei Conti al Commissario della Zes Jonica, avv Floriana Gallucci, entra finalmente nella piena operatività la governance della Zona economica speciale Jonica. Una grande opportunità per l’intero territorio che il Consorzio Asi di Taranto ha voluto immediatamente cogliere invitando presso la propria sede la neo commissaria per fare […]