x

x

Il corso di laurea in Medicina andrà alla Banca d’Italia

Il palazzo della Banca d'Italia

Via libera al corso di laurea in medicina e sarà l’edi­ficio storico della Banca d’Italia a ospitarlo. Lo ha stabilito la Con­ferenza di servizi che si è riunita il 21 febbraio in prefettura.

Le risoprse per acquisire l’edifi­cio potrebbero essere ricavate dal Contratto Istituzionale di Svilup­po; nel frattempo si proporrà alla stessa Banca d’Italia un affitto temporaneo.

«Nel corso della Conferenza di Servizi, convocata (il 21 febbraio, ndr) a Taranto presso la Prefettu­ra – si legge nella nota ufficiale del Palazzo del Governo – alla presenza del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Sen. Mario Turco, del Prefetto Deme­trio Martino, dei rappresentanti di: Comune di Taranto, Asl Taranto, Università di Bari, aven­te ad oggetto “Determinazioni in ordine al Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia”, si è preso atto, acquisito il parere favore­vole del Presidente della Giun­ta Regionale della Puglia, della chiusura della procedura ammi­nistrativa di richiesta di accredi­tamento del suddetto corso». La Conferenza inoltre – prose­gue la Prefettura – ha confermato quale posisbile sede dle corso, il palazzo della Banca d’Italia che potrebbe essere acquisito tramite risorse finanziarie da stanziar­si nell’ambito del Cis Taranto, a seguito di presentazione d’idoneo progetto di fattibilità da elabo­rarsi congiuntamente tra le parti interessate. Al fine di consentire l’immediata disponibilità della prozione d’immobile necessaria per garantire l’avvio delle attivi­tà didattiche nel prossimo anno accademico 2020-2021, al stessa Conferenza ha convenuto di pro­porre alla Banca d’Italia, tramite l’Asl di Taranto, la stipula di un contratto di locazione tempora­nea, in attesa del completamento delle procedure di acquisto».