x

x

Buonasera

Coronavirus, chiamate in leggero calo. Ma cresce la qualità

Sono in leggero calo le chiamate dei cittadini ai numeri Asl Taranto dedicati al coronavirus. Il trend dimi­nuisce leggermente per quanto riguarda il numero ma aumen­ta decisamente l’aspetto qua­litativo delle richieste. Se nei primi giorni di attivazione del servizio i cittadini chiedevano principalmente informazioni generali riguardo il coronavirus, come comportarsi per limitare il contagio, come “applicare” nel quotidiano le disposizioni del decreto, in pochi giorni il li­vello di informazione personale è cresciuto: le richieste sono più dettagliate, tecniche, riferite a casi concreti di rischio contagio per l’esser venuti a contatto con persone già positive.

L’emergenza ha posto la gente nelle condizioni di imparare, conoscere, informarsi e soprat­tutto di farlo in fretta. Osservate in misura più o meno variabile, le disposizioni sono ormai chia­re: uscire solo per comprovate esigenze indifferibili, restare a casa, sapere che eventuali pre­stazioni sanitarie non urgenti sono state automaticamente so­spese, da riprogrammare, che c’è da attendere.

Dall’altra parte del telefono, il cittadino ha cambiato l’approc­cio: si mostra competente, chie­de come difendere -ad esem­pio- il suo diritto di stare a casa contro il datore di lavoro che non osserva le regole. La gente chiede conferma di ciò che già apprende da varie fonti e, nel mix di informazioni disponibili, cerca di farsi strada (e chiarez­za) tra i canali degli enti pubbli­ci, i meme da social pseudo-iro­nici e i messaggi che ormai su Whatsapp “girano” con naturale fluidità. Le voci sono più posate, i toni gentili, quelli di chi chiede un’informazione sperando che dall’altra parte vi sia qualcuno che risponda in modo chiaro, che ascolti. A volte, le richieste info si intrecciano alle storie personali: c’è chi ha preso il pri­mo treno per Taranto sperando di fare in tempo a dare l’ultimo saluto al proprio caro ricoverato e si è ritrovato, una volta in vago­ne, a realizzare che mettere pie­de in Puglia avrebbe significato quarantena obbligatoria fiducia­ria. La chiamata all’operatore è una conferma, una richiesta implicita di conforto che viene dalla consapevolezza, amara, di aver poi rispettato le regole e dell’aver affidato l’ultimo saluto all’infermiera di reparto. In altri casi, è condivisione dell’aver se­guito le disposizioni del decreto e di averlo fatto bene, o meno.

Le quattro linee Asl Taranto de­dicate ad informazioni di primo livello sul Covid-19 sono 099 4585 935 – 982 – 016 – 984, at­tive dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17.30 e il sabato dalle 8.30 alle 13.

 

Così Eva Degl’Innocenti ha cambiato il MArTA

Se Marta fosse una donna, e non MArTA, Museo Archeologico Nazionale di Taranto, si potrebbe dire che lei, Eva, l’ha condotta per mano in un percorso a là Benjamin Button: da signora piacente ma un po’ agée a ragazza stilosa, che sa usare i social, ama il rock e la tecnologia. I sei anni e […]

Coronavirus, in Puglia meno di 30mila contagiati. Oggi 1.478 casi e 4 decessi

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 13.189 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.478 casi positivi, così suddivisi: 460 in provincia di Bari, 97 nella provincia BAT, 139 in provincia di Brindisi, 213 in provincia di Foggia, 323 in provincia di Lecce, 228 in provincia di Taranto, 13 […]

Sull’ex Ilva il Governo deve dare prova di responsabilità

L’ennesima manifestazione tenutasi a Taranto lo scorso 22 maggio, contro lo stallo che caratterizza il siderurgico di Acciaierie d’Italia, non può continuare a vedere gli Organi dello Stato distratti ed inconcludenti, atteso che i reiterati interventi dei rappresentanti locali della politica sembrano non incidere né orientare verso decisioni definitive. Si è, infatti, come in un […]

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]