x

x

Buonasera

Droga a fiumi anche per gli studenti delle superiori

Spacciavano dro­ga soprattutto agli studenti del­le scuole superiori.

Pusher che rifornivano di cocai­na, hashish e marijuana le piaz­ze di Taranto e provincia sono finiti nella trappola tesa dal­la Polizia di Stato nell’ambito dell’operazione “Beni Stabili”.

Al termine di indagini dirette dalla Dda presso il Tribunale di Lecce, la Squadra Mobile ha ar­restato 15 persone.

Undici ordinanze di custodia cautelare in carcere e quattro ai “domiciliari” emesse dal gip presso il Tribunale di Lecce, per associazione per delinque­re finalizzata al traffico di so­stanze stupefacenti ed esercizio abusivo dell’attività di gioco e scommesse.

In carcere sono finiti il trenta­treenne Giuseppe Axo; il qua­rantenne Giovanni Carafa;

il trentenne Francesco Cardo­ne; il trentenne Antonio Cata­pano; il ventisettenne Cristian Comis; la quarantatreenne Anna Danzo; il trentaduenne Antonio Delibero; il quaran­tottenne Patrizio Digiuseppe; il venticinquenne Giuseppe Porcelli; il ventinovenne Ama­rildo Troqe; il venticinquenne Giovanni Zonile.

Agli arresti domiciliari sono invece finiti il quarantanovenne Espedito Del Prete, la venti­treenne Maria Desirèe Fer­rigni; il trentacinquenne De­nis Shemshiri; il ventitreenne Francesco Stante.

L’attività di indagine, condot­ta dagli investigatori della Se­zione criminalità organizzata della Squadra Mobile, ha preso le mosse verso la fine del 2017 quando, in occasione di una at­tività di controllo nelle vie del capoluogo è stato fermato un gruppetto di minorenni, alcuni dei quali sono stati trovati in possesso di dosi di hashish.

I poliziotti, seguendo le tracce lasciate dal gruppo, sono riusci­ti a risalire ai loro fornitori, gio­vanissimi pusher che, a dispetto dell’età, si sono dimostrati in grado di movimentare consi­stenti quantitativi di droga.

Gli acquirenti prevalentemente, erano studenti di scuola supe­riore ai quali la sostanza veniva ceduta anche nei pressi degli istituti scolastici, all’orario di entrata e di uscita.

I presunti pusher, da quel mo­mento attentamente monitorati, hanno condotto gli agenti in borghese alla fonte di approvvi­gionamento delle sostanze stu­pefacenti: il complesso edilizio denominato “Beni Stabili”, in particolare gli edifici ubicati in via Plinio, noti per essere stati interessati, nel corso del tempo, da numerose attività di polizia giudiziaria e per essere stati trasformati in un impenetrabile bunker, punto di riferimento si­curo per i consumatori di droga.

La morfologia dei luoghi, ca­ratterizzati dalla presenza di edifici disposti a ferro di ca­vallo con affaccio su un cortile pertinenziale, e il contesto ad elevata densità criminale hanno reso necessario il ricorso a più sofisticate tecniche di indagine.

E’ stato alzato, così, il velo sull’esistenza di un gruppo di spacciatori che aveva la base lo­gistica negli appartamenti degli stabili di via Plinio.

Diversi i nuclei familiari che tenevano le fila dell’organizza­zione.

Accanto a loro, una fitta rete di “collaboratori” incaricata di presidiare la zona di spaccio ed effettuare le consegne al minu­to o il trasporto della sostanza stupefacente.

Impressionante la capacità or­ganizzativa del gruppo, in grado non solo di soddisfare le richie­ste dei tossicodipendenti che si presentavano a qualsiasi ora del giorno e della notte, ma anche di inondare di sostanza stupefa­cente le piazze del capoluogo. I dettagli del blitz illustrati in teleconferenza dal capo della Squadra Mobile, il dott. Fulvio Manco.

Così Eva Degl’Innocenti ha cambiato il MArTA

Se Marta fosse una donna, e non MArTA, Museo Archeologico Nazionale di Taranto, si potrebbe dire che lei, Eva, l’ha condotta per mano in un percorso a là Benjamin Button: da signora piacente ma un po’ agée a ragazza stilosa, che sa usare i social, ama il rock e la tecnologia. I sei anni e […]

Coronavirus, in Puglia meno di 30mila contagiati. Oggi 1.478 casi e 4 decessi

Nelle ultime 24 ore in Puglia sono stati effettuati 13.189 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 1.478 casi positivi, così suddivisi: 460 in provincia di Bari, 97 nella provincia BAT, 139 in provincia di Brindisi, 213 in provincia di Foggia, 323 in provincia di Lecce, 228 in provincia di Taranto, 13 […]

Sull’ex Ilva il Governo deve dare prova di responsabilità

L’ennesima manifestazione tenutasi a Taranto lo scorso 22 maggio, contro lo stallo che caratterizza il siderurgico di Acciaierie d’Italia, non può continuare a vedere gli Organi dello Stato distratti ed inconcludenti, atteso che i reiterati interventi dei rappresentanti locali della politica sembrano non incidere né orientare verso decisioni definitive. Si è, infatti, come in un […]

Polo educativo 0-6 anni all’interno del San Cataldo, Fp Cgil sollecita il Comune

Sembra farsi strada la proposta avanzata ormai alcune settimane fa dalla Funzione Pubblica Cgil che aveva chiesto alle istituzioni competenti la realizzazione di un polo educativo 0-6 anni all’interno del futuro Ospedale San Cataldo. Nei giorni scorsi, infatti, si è svolta una riunione con il direttore generale dell’Asl di Taranto, Gregorio Colacicco che ha avuto […]