Svelata la nuova immagine della 48esima edizione del Festival della Valle d’Itria

MARTINA FRANCA – È stato scelto il progetto di illustrazione che accompagnerà la 48a edizione del Festival della Valle d’Itria – in programma dal 19 luglio al 6 agosto – dallo scorso anno sotto la direzione artistica di Sebastian F. Schwarz. La nuova immagine è stata selezionata fra 35 proposte create dagli allievi dell’Accademia delle Belle Arti di Bari, istituzione con la quale il Festival ha attivato un protocollo di collaborazione per permettere, ai giovani artisti, un confronto con il mondo del lavoro sin dal periodo di formazione.

La commissione – composta da Sebastian F. Schwarz (direttore artistico del Festival della Valle d’Itria), Giancarlo Chielli (direttore Accademia di Belle Arti di Bari), Piero Narcisi (agenzia di comunicazione GFC Associati) – ha formato una short-list di otto lavori finalisti tra i quali è risultato vincitore, all’unanimità, quello di Caterina Maiullari (studentessa del corso di Computer graphic e Illustrazione scientifica) che si basa sulla traduzione grafica di simboli tradizionali del paesaggio urbano e naturale della Valle d’Itria: foglie di ulivo, decori barocchi, pinnacoli dei trulli, trovano nell’immagine della Maiullari una sintesi armonica nella forma di un rosone, chiaro riferimento all’architettura che caratterizza le “Città bianche” della Puglia. Agli studenti era stato chiesto di declinare, con massima libertà creativa, l’immagine della programmazione 2022 del Festival, aderendo alla filosofia e alla tradizione che, da quasi cinquant’anni, richiama a Martina Franca pubblico da tutto il mondo, attratto dall’occasione di poter vedere e ascoltare opere liriche di rarissima esecuzione, dal Barocco alla contemporaneità, in un contesto unico tra il bianco del centro storico e il verde degli ulivi della Valle d’Itria.

«Ringrazio tutti per il loro contributo alla riuscita di questo progetto – ha dichiarato Sebastian F. Schwarz – Ci tenevo molto che ci fosse questa collaborazione e questo segnale di apertura da parte del Festival nei confronti dei nuovi talenti e nei confronti dell’istituzione che li cresce. Tutti i partecipanti si sono visibilmente confrontati, come richiesto, con la realtà del Festival della Valle d’Itria e con il territorio particolare in cui opera. Il progetto vincitore vince e convince, grazie alla sua inerente musicalità, alla sua freschezza, all’ispirazione tratta dal territorio e l’eleganza della sua traduzione in grafica». In questi giorni i follower del Festival hanno potuto conoscere le otto proposte finaliste, pubblicate giornalmente sulle pagine social, apprezzando così la professionalità e la creatività degli allievi dell’Accademia delle Belle Arti di Bari. I post sono disponibili sui canali Facebook e Instagram del Festival della Valle d’Itria.

 

Angelina Jolie nel nostro “week end”

Angelina Jolie in Valle d’Itria, proprio a Martina Franca: è lei, l’attrice e regista statunitense, la protagonista di copertina dell’inserto “Week end”, oggi all’interno del nostro giornale. Dodici pagine dedicate agli eventi dell’estate pugliese, una guida per conoscere date e luoghi di spettacoli, concerti, mostre, incontri culturali o di semplice svago per trascorrere in allegria […]

“Essencials”, il nuovo album del tarantino Daniele Ippolito, irlandese di adozione

“Essencials” è un album di musica elettronica fuori dal tempo creato da Daniele Ippolito, un artista decisamente originale. Pugliese d’origine e cittadino del mondo (originario di Taranto vive a Dublino, in Irlanda) ha 28 anni e propone un viaggio musicale in 6 intensi brani molto diversi tra loro. Il disco è disponibile su K-Noiz, su […]

Dalla letteratura alla poesia, alla musica e all’economia: nuova veste per “L’Arengo”

Fresco di stampa è nelle nostre mani l’ultimo in ordine di tempo (ma non ultimo per importanza numero de I Quaderni de L’Arengo nella sua solita, sobria ed elegante veste tipografica curata, come sempre da par suo, dalla Casa Editrice Scorpione di Piero Massafra. Il titolo: I contemporanei. La prestigiosa rivista, come è noto, è […]

MAP: ospiti internazionali alla II edizione del Festival. Arriva anche John Rutter

«È sempre più evidente che il welfare culturale abbracci una quantità di competenze sempre più ampie. È vero per l’intera Puglia, ma soprattutto per Taranto che mette al centro dei suoi interessi una ricca programmazione culturale, facendo di questo un modello di sviluppo alternativo: confermata la strategia sul mare come grande attrattore, la città punta […]