x

x

Il teatro nei quartieri: al via “in Cortile” tra clown e giocoleria

Sono cinque i quartieri che faranno da palcoscenico alla prima settimana di programmazione del progetto
Bartolomeo e Cioppina

Tamburi, Città Vecchia, Paolo VI, Lama e Salinella: sono questi i cinque quartieri che faranno da palcoscenico alla prima settimana di programmazione del progetto “in Cortile”, il contenitore di spettacoli e animazione ludica che, ricordiamo, per l’intero mese di luglio animerà la città di Taranto.

In agenda la prima settimana: clown e giocoleria “Bartolomeo & Cioppina”, lunedì 4 (ore 19) alla parrocchia santi Angeli Custodi al quartiere Tamburi, con replica giovedì 7 (ore 20.30) in largo san Gaetano in Città Vecchia; teatro d’attore “Bianca come la neve. Il racconto dell’ultimo nano”, martedì 5 (ore 19) alla parrocchia Corpus Domini al quartiere Paolo VI (ore 19), con repliche mercoledì 6 (ore 20.30) alla parrocchia Regina Pacis a Lama e venerdì 8 (ore 20.30) alla parrocchia Santa Famiglia al quartiere Salinella. Gli spettacoli Deianira Dragone e Carmine Basile iniziano a lavorare al progetto “Bartolomeo & Cioppina” nel 1999 e, da allora, lo portano in giro nelle piazze, nelle scuole e nei teatri in Italia e all’estero. Gli spettatori incontreranno il grande giocoliere equilibrista Bartolomeo, un clown bianco esigente e raffinato che desidera mostrare al pubblico le sue abilità, ma che sarà ostacolato dai pasticci della sua giovane assistente Cioppina.

In anteprima regionale, il Crest presenta “Bianca come la neve. Il racconto dell’ultimo nano”, testo e regia Michelangelo Campanale, con Luigi Tagliente, costumi Maria Pascale, voci registrate Catia Caramia e Maria Pascale. Tanto tempo fa, in un castello lontano, c’era una Regina, che desiderava tanto avere una bambina. La immaginava con la pelle bianca come la neve che vedeva cadere soffice, con i capelli neri come l’ebano della sua finestra e con le labbra rosse come le gocce di sangue che sgorgarono dal suo dito nel pungersi con un ago. Tanto tempo fa, in un castello lontano che esiste davvero, il castello di Lohr, nasceva una bambina che fu chiamata Maria Sophia Margaretha Catharina von Erthal e che tutti chiamiamo, da secoli, Biancaneve. Da un posto lontano arriva qualcuno, che l’ha conosciuta di persona, a raccontarci la sua storia. Il progetto “in Cortile” è realizzato dal Crest con il sostegno della Regione Puglia e del Comune di Taranto. Biglietto: 5 euro.