x

x

In viaggio sul pianeta Terra con Ester Cecere

Il volume raccoglie articoli apparsi su Taranto Buonasera
Ester Cecere

È in libreria il secondo volume della Collana di Studi Storici ed Archeologici della associazione Amici del Castello Aragonese: “Viaggiare informati sul pianeta Terra”, Editrice Scorpione di Taranto, di Ester Cecere, ricercatore presso l’Istituto Talassografico di Taranto (IRSA). Di Ester Cecere, autrice di scientifici trattati di biologia marina, conoscevamo già la sua vocazione letteraria; un impegno non occasionale, testimoniato, a partire dalla sua prima opera “Burrasche e Brezze” nel 2010, alla pubblicazione nell’arco di un decennio, di cinque libri di poesie e due libri di narrativa. Una scelta di sue poesie è stata poi pubblicata nel marzo 2020 nella Collana di Saggi di Cultura Ionica edita da Scorpione a Taranto.

Ora Ester ci presenta un’opera in cui il rigore delle sue pubblicazioni professionali si accompagna al gusto narrativo e alla semplicità di esposizione, per trasmetterci un messaggio accorato in difesa della natura, messa in pericolo e violentata da quell’uomo che presuntuosamente si definisce sapiens. Il testo, suddiviso in aree tematiche, raccoglie i suoi articoli apparsi a Taranto sul quotidiano “Buonasera”, in un biennio di collaborazione. Gli argomenti spaziano dalle problematiche che riguardano l’inquinamento, alla green Energy, biodiversità, comportamenti animali e migrazioni, figure di scienziati che hanno apportato un contributo al progresso della conoscenza. Il mare e gli organismi marini sono il suo orizzonte di ricerca scientifica ed ispirazione poetica. È ella stessa in una sua lirica a definirsi creatura di scoglio: …” E sono primordiale/creatura di scoglio/ che di spruzzi vive/dall’alba dei mondi”.

Il testo é di grande attualità, e non potrebbe essere diversamente, perché ci interroga e ci fa riflettere sul nostro destino di esseri viventi sulla Terra, destino nostro e di tutte le creature viventi su questo pianeta, in viaggio su questo pianeta, come suggerisce il titolo stesso. Il rigore scientifico e la chiarezza di esposizione rendono adatto il testo per tutti i lettori, in particolar modo, se lo si volesse adottare per la scuola. E non parliamo solo di scuola superiore perché può benissimo essere proposto anche agli alunni delle inferiori. Con questa pubblicazione, gli Amici del Castello Aragonese, hanno voluto salvare dall’effimero della carta di giornale questi preziosi messaggi che ci interrogano sul nostro destino e sui nostri comportamenti, sulla responsabilità dell’uomo moderno nei riguardi della vita sulla Terra. Un ringraziamento doveroso va alla autrice Ester Cecere per aver voluto affidare a noi i suoi scritti, e al direttore di TarantoBuonasera, Enzo Ferrari, che ha acconsentito alla pubblicazione in volume degli articoli apparsi sul suo giornale. *Presidente associazione “Amici del Castello Aragonese”