x

x

Doppio sold-out per lo show di Alessandro Siani

Tappa all’Orfeo del tour “Extra libertà live”
Alessandro Siani

Cresce l’attesa per l’arrivo di Alessandro Siani con il suo “Extra libertà live tour”, uno dei titoli in cartellone per la stagione teatrale “I più grandi passano da qui” organizzata dal Cinema Teatro Orfeo in collaborazione con il Comune di Taranto. È già, infatti, sold-out per le due date in programma – quelle del 25 e 26 gennaio – a conferma del sostegno e dell’affetto del pubblico verso l’artista campano.

Lo spettacolo
Libertà di pensiero, libertà di stampa, libertà d’espressione, ma anche la libertà che ci è stata negata in questi ultimi tempi di covid: la libertà sarà il filo conduttore dello spettacolo di Siani che ritorna a calcare le scene con il suo nuovo stand up comedy che arriva dopo il successo strepitoso del “Felicità tour”. In questo nuovo progetto live il dialogo con il pubblico diventerà fondamentale per affrontare argomenti come la convivenza forzata, il fenomeno serie tv, il potere dei social, la politica, l’attualità, la guerra e soprattutto la libertà di pensare e sognare un futuro migliore senza virologi, vaccini e mascherine in cui l’unico antidoto alla frustrazione dei nostri giorni possa essere una dose di gioia pura. La libertà di trascorrere una serata senza pensieri! «Quest’anno celebro i 25 anni di carriera – ha raccontato l’artista – anche se preferirei parlare di una vera e propria passione a tempo indeterminato e non di lavoro: ho troppo rispetto per questa parola. Il mio al massimo è un dopolavoro!».

La rassegna: i prossimi appuntamenti
Dopo la messa in scena di “Extra libertà live tour”, nel mese di febbraio la rassegna del Teatro Orfeo “I più grandi passano da qui” continua il 10 febbraio con Ornella Muti e “Il pittore di cadaveri”. Edward Vitavich è un artista apprezzato, già tormentato da una dipendenza da alcol e farmaci, che viene arrestato mentre tenta di trafugare le spoglie del padre per farne parte integrante di un’opera d’arte. Liberato su cauzione, in crisi artistica ed esistenziale, gli giunge inaspettata la proposta di un ricco committente: realizzare il ritratto di sua moglie. Vitavich accetta a malincuore l’incarico, e Teresa, la donna del ritratto, arriva immobile in una cassa, senza vita. Edward dovrà idratarla, vestirla e agghindarla affinché recuperi le fattezze impresse nei ricordi del marito. Affacciata alla soglia di una porta, immobile nella penombra, ossessionerà l’artista e i suoi sogni, sino al momento in cui prenderà parola.

La donna è restia a farsi ritrarre, e i due stringono un patto: per ogni sua richiesta assecondata, lei gli donerà un colore. Componendo la tavolozza del pittore, Teresa restituirà all’artista quanto a lei è stato negato: la libertà, la speranza, la fiducia di poter generare un’altra vita; il 16 febbraio sarà la volta di Riccardo Rossi in “W le donne”: la donna è la prima persona che conosciamo al mondo! Maschi o femmine è uguale: è sempre lei il nostro primo incontro. Ma se le bambine crescendo diverranno sempre più “colleghe” della madre (prima o poi faranno un figlio anche loro) i maschi si ritroveranno per tutta la vita a fare i conti con quell’essere che li ha generati. Ma i ruoli nel corso degli anni cambieranno, dopo la madre conosceranno la tata, la sorella, la nonna, la prima amichetta, la maestra, la fidanzata importante, la moglie, la figlia, la ex moglie, che si svelerà essere un’altra persona, poi la seconda moglie e si spera l’ultima, e così via, senza dimenticare ovviamente la più temuta: la suocera! (e addiruttura la seconda suocera!); febbraio si chiude con l’arrivo,il 25, di Marco Bocci protagonista dello spettacolo “Lo zingaro”, storia esemplare di un pilota di auto sconosciuto il cui destino è però indissolubilmente legato a un mito della Formula 1: Ayrton Senna. Lo Zingaro cerca se stesso attraverso un legame quasi ossessivo con il grande campione brasiliano, morto ad Imola il 1° maggio del 1994. Chi non ha ancora sottoscritto l’abbonamento, potrà farlo presso il botteghino del teatro dalle ore 18 in poi, o acquistare i singoli ticket di tutti gli spettacoli in abbonamento e fuori. prevendite online sul sito www.teatrorfeo.it e circuito TicketOne.