x

x

Teatromare: si ride in riva allo Jonio

LAMA  –  Ai nastri di partenza “Teatromare”, la rassegna messa a punto dall’associazione “Circolo difesa Taranto” attraverso un ricco e variegato cartellone che prevede ben dodici spettacoli.

Venerdì, 11 luglio, il sipario sull’evento si apre con la messa in scena della divertente commedia “Doje gemelle tarandine” della compagnia “Lina Antonante”. Il palco è quello di Saint Bon. 

Due gli atti di questo divertente lavoro diretto – e liberamente adattato – da Pino Antonante.

“Doje gemelle tarandine” è la commedia dell’equivoco per eccellenza “Menaechmi”, di Tito Maccio Plauto. La vicenda, ambientata nella Taranto del 706 a.C. (epoca Romana), ruota attorno alla storia di due gemelli talmente identici da non essere distinti nemmeno dalla madre, Dorippide. Un giorno, all’età di sette anni, il nonno paterno porta con sè al mercato di Matapontum uno dei due, Menecmo il quale, sfortunatamente, si perde nel caos. Disperato, per il dolore il nonno si lascia morire mentre il padre, per non scordare il gemello perso, decide di chiamare con lo stesso nome il fratello rimasto.

Dopo quarant’anni, il disperso, decide di tornare a Taranto alla ricerca del fratello. La somiglianza dei due crea una serie di situazioni equivoche e grottesche che coinvolgono, loro malgrado, i vari personaggi in un “tourbillon” di gag e divertenti “quadri teatrali”.
Direzione artistica: Aldo Salamino e Stefano Zizzi.