Festival di Sanremo: “Le vibrazioni” in gara con “Tantissimo”

«La nostra canzone d’amore che presentiamo al festival di Sanremo ha un concetto alterato». È la conclusione cui è arrivato Francesco Sarcina de “Le vibrazioni” parlando del brano “Tantissimo” con cui ritornano in gara al festival di Sanremo. «È un concetto d’amore proprio – ha aggiunto Sarcina – Alla fine di un amore la cicatrice rimane ed è molto reale anche se poi si trasforma in qualcos’altro: oggi cantiamo l’avere il coraggio delle proprie idee, accettare i propri errori e tutte le difficoltà. “Tantissimo” ha un profilo psicologico ed è molto analitica». La band milanese, formata da Francesco Sarcina (cantante e chitarrista), Stefano Verderi (chitarrista e tastierista), Marco Castellani (bassista) e Alessandro Deidda (batterista), torna sul palco dell’Ariston dopo aver debuttato nel 2005 con il brano “Ovunque andrò”, ed essere tornata nel 2018 con “Così sbagliato” e nel 2020 con “Dov’è” con la quale si classificarono quarti.

«Era il nostro quarto Sanremo – ha confessato il cantante – Stava andando tutto alla grande e poi fummo bloccati per la pandemia; oggi questa partecipazione rappresenta un ricominciare, come del resto per tutti, una ripartenza con il pubblico all’Ariston e un inno allo show. Siamo da più di vent’anni insieme, vogliamo portare il nostro rock a Sanremo, ritornare a fare i concerti». “Le vibrazioni” sono reduci dal successo di “In orchestra di e con Beppe Vessicchio”, il tour teatrale con cui hanno incontrato, per la prima volta, la musica classica in un viaggio musicale insieme al maestro Vessicchio che ha curato gli arrangiamenti orchestrali dei loro brani e che questo festival li vede di nuovo insieme. «Il maestro purtroppo è positivo già da un po’ ma dovrebbe negativizzarsi – ha precisato Sarcina – Questa cosa ci coglie un po’ in fallo e dobbiamo capire se ci sarà lui a dirigerci; intanto pensiamo alla sua salute e dobbiamo navigare a vista». «Magari il maestro dirigerà in smart working – ha scherzato Marco Castellani – Comunque ha già preparato tutto, siamo tranquilli e, soprattutto, abbiamo fiducia nella sua ripresa per essere sul palco dell’Ariston a dirigerci».

Nella serata delle cover Le Vibrazioni ospitano Sophie and the Giants in “Live and let die” di Paul McCartney. «Ricordo anche la versione dei Guns’N’Roses – ha sottolineato Sarcina – Musicalmente è molto complicata ma abbiamo una certa età e possiamo dire di essere maturi per farla: è una sfida per noi stessi perché la canzone è una vera opera e con il maestro Vessicchio a dirigerci puntavamo sul sicuro». “Tantissimo” sarà contenuta in un nuovo lavoro discografico che verrà pubblicato ad aprile da Artist First. «Ad aprile uscirà un ep in vinile – ha confidato Sarcina – Potevamo fare un quadruplo album con una cinquantina di canzoni che già abbiamo ma oggi fare dodici canzoni per un album è buttarlo via: questo nuovo lavoro è un ulteriore cambiamento con cinque canzoni che ci rappresentano».

Franco Gigante

Angelina Jolie nel nostro “week end”

Angelina Jolie in Valle d’Itria, proprio a Martina Franca: è lei, l’attrice e regista statunitense, la protagonista di copertina dell’inserto “Week end”, oggi all’interno del nostro giornale. Dodici pagine dedicate agli eventi dell’estate pugliese, una guida per conoscere date e luoghi di spettacoli, concerti, mostre, incontri culturali o di semplice svago per trascorrere in allegria […]

“Essencials”, il nuovo album del tarantino Daniele Ippolito, irlandese di adozione

“Essencials” è un album di musica elettronica fuori dal tempo creato da Daniele Ippolito, un artista decisamente originale. Pugliese d’origine e cittadino del mondo (originario di Taranto vive a Dublino, in Irlanda) ha 28 anni e propone un viaggio musicale in 6 intensi brani molto diversi tra loro. Il disco è disponibile su K-Noiz, su […]

Dalla letteratura alla poesia, alla musica e all’economia: nuova veste per “L’Arengo”

Fresco di stampa è nelle nostre mani l’ultimo in ordine di tempo (ma non ultimo per importanza numero de I Quaderni de L’Arengo nella sua solita, sobria ed elegante veste tipografica curata, come sempre da par suo, dalla Casa Editrice Scorpione di Piero Massafra. Il titolo: I contemporanei. La prestigiosa rivista, come è noto, è […]

MAP: ospiti internazionali alla II edizione del Festival. Arriva anche John Rutter

«È sempre più evidente che il welfare culturale abbracci una quantità di competenze sempre più ampie. È vero per l’intera Puglia, ma soprattutto per Taranto che mette al centro dei suoi interessi una ricca programmazione culturale, facendo di questo un modello di sviluppo alternativo: confermata la strategia sul mare come grande attrattore, la città punta […]