x

x

Massafra, al via la nuova stagione di prosa

Enzo Decaro

MASSAFRA – Prenderà il via il 13 febbraio la nuova stagione di prosa del Comune di Massafra, realizzata in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese, presentata nei giorni scorsi alla stampa. Una stagione di grande spessore, come gli artisti protagonisti dei vari titolo in cartellone. «Il programma teatrale scelto spinge alla riflessione e alla meditazione anche su argomenti attuali – ha sottolineato il Sindaco, Fabrizio Quarto – Non saranno, comunque, trascurati momenti di coinvolgente “goliardia”: lo spessore degli artisti che calcheranno i palcoscenici massafresi sarà un valore aggiunto all’offerta culturale e rappresenta un’occasione di crescita da non lasciarsi sfuggire». «I vari appuntamenti con artisti di grande rilievo si susseguono nel solco della tradizione di eccellenza ormai consolidata, raccolti in un cartellone ricco e variegato in grado di attrarre pubblici diversi e restituire un po’ di spensieratezza e normalità dopo quasi due anni lontani dai teatri e palchi dal vivo – ha detto l’assessore alla Cultura, Domenico Lasigna – L’avvio della nuova stagione teatrale va, quindi, colto come segno di rinascita e speranza consapevoli di immaginare altri modi per tornare ad esserci, a vivere la città e a fare del teatro il cuore pulsante della comunità».

“Scommettere su una programmazione in grado di guardare al contemporaneo e al tempo stesso salvaguardare la tradizione, è una scelta in continuità con il lavoro fatto sino ad oggi, a dimostrazione dell’importante dialogo che esiste tra l’Amministrazione comunale di Massafra e il Teatro Pubblico Pugliese – ha commentato Giulia Delli Santi, dirigente responsabile Attività Teatrali del Tpp – E non possiamo che plaudere alla volontà del Comune di dare valore ai due teatri cittadini, scommettendo su una programmazione che coinvolge i due contenitori culturali della città in dialogo tra loro”. Saranno, infatti, due i teatri massafresi che ospiteranno i diversi spettacoli. Ovver, il Teatro comunale “Nicola Resta” e il Teatro Spadaro.

IL CARTELLONE
Sono otto, in tutto, gli spettacoli inseriti nel cartellone di quest’anno. Il primo sipario ad aprirsi sarà quello del Teatro comunale dove, come si accennava, il 13 febbraio andrà in scena “Oedipus Rex”, tragedia di Sofocle, considerata il suo capolavoro, nonché il più paradigmatico esempio dei meccanismi della tragedia greca. In scena ci saranno Giancarlo Luce, Vito Latorre, Salvatore Laghezza, Antonio D’Andria, Onofrio Fortunato per la regia di Carlo Formigoni, vincitore del Premio alla Carriera 2021 del Teatro Pubblico Pugliese. Secondo appuntamento il 19 febbraio sul palco del Teatro Spadaro, con la regia di Leo Muscato, con Enzo Decaro in “Non è vero ma ci credo”, commedia in tre atti scritta da Peppino De Filippo nel 1952. L’avaro, avarissimo imprenditore Gervasio Savastano, vive nel perenne incubo di essere vittima della iettatura. A un certo punto le sue fisime oltrepassano la soglia del ridicolo: licenzia il suo dipendente Malvurio solo perché è convinto che porti sfortuna. Sembra il preambolo di una tragedia, ma siamo in una commedia che fa morir dal ridere.

Il 3 marzo Factory Compagnia Transadriatica porterà, sempre sul palco dello Spadaro, “La bisbetica domata” di William Shakespeare, regia di Tonio De Nitto, con cui Factory ritorna ad affrontare Shakespeare dopo le felici prove del Sogno e di Romeo e Giulietta, insistendo ancora una volta su una lettura corale e visionaria dove la musica e la rima concorrono a restituirci una sorta di opera buffa, caustica e comicamente nera. Si torna al Teatro comunale per la seconda e ultima volta il 13 marzo con Serena Balivo in “Spezzato è il cuore della bellezza”, ideazione, drammaturgia e regia di Mariano Dammacco. Lo spettacolo racconta la storia di un cosiddetto triangolo amoroso, lui, lei, l’altra e, tramite i frammenti e le immagini di questa storia, offre allo spettatore uno sguardo sull’Amore nelle sue pieghe dolorose e tormentate, attraverso la convivenza di tragedia e umorismo.

Il 25 marzo ci si sposta al Teatro Spadaro per “La rottamazione di un italiano perbene” scritto, diretto e interpretato dal regista e attore Carlo Buccirosso, vincitore del David di Donatello come miglior attore non protagonista per Noi e la Giulia (2015). Il 1° aprile toccherà “Venti di Risate” che racchiude il meglio del repertorio di Debora Villa che con questo nuovo recital festeggia 20 anni di carriera.

Dopo di lei il 22 aprile ci sarà Giobbe Covatta con il suo “Scoop (Donna Sapiens)” scritto con Paola Catella in cui il comico, attore, scrittore, umorista, commediografo, attivista e politico italiano, con il suo linguaggio irriverente e dissacratorio, vuole dimostrare la superiorità della donna sull’uomo e il proprio amore e rispetto per le donne, a cui dedica in finale un poetico omaggio. L’ultimo spettacolo è in programma per l’11 maggio: sul palco Marco Cavallaro con il suo “Amore sono un po’ incinta” una nuova commedia ricca di risate e piena di momenti di pura emozione in grado di fa ridere delle proprie paure ad affrontare l’ignoto e di raccontare come la storia più vecchia del mondo sia la favola più bella da raccontare: quella di dare un futuro alla vita.

Info: www.teatropubblicopugliese. it