Filumena Marturano: al TaTà il capolavoro di De Filippo

Doppio appuntamento con il teatro di Eduardo De Filippo all’auditorium TaTà (in via Grazia Deledda – quartiere Tamburi) sabato 26 e domenica, 27 febbraio: in scena uno dei capolavori dell’attore e commediografo napoletano, “Filumena Marturano”, che insieme a “Natale in casa Cupiello” e “Napoli milionaria” è uno dei lavori teatrali – e non solo – più famosi. Certamente quello che più di ogni altro ha raccolto un riconoscimento e un respiro internazionali, visto che è stato rappresentato praticamente in tutto il mondo. Eppure, il personaggio di Filumena Marturano e la sua storia hanno una genesi che lascia sorpresi. Eduardo, infatti, scrisse questo lavoro nel 1946 per avere un testo pronto con cui sostituire un eventuale insuccesso di “Questi fantasmi” (altra riuscitissima commedia eduardiana) e, poi, anche perché voleva accontentare la sorella Titina, la quale si lamentava sempre con il fratello drammaturgo di non scrivere mai una commedia la cui figura centrale di protagonista fosse una donna.

Un lavoro, dunque, che sembra nascere quasi come opera secondaria e che invece, una volta messo in scena, diventerà un caposaldo del teatro eduardiano e non solo. Filumena infatti è l’apoteosi del sentimento della maternità che vince la miseria, supera gli egoismi umani, il diritto all’uguaglianza dei tre figli. A mettere in scena questo classico della letteratura teatrale napoletana sarà, in questo week end, la Compagnia instabile Napoliscena, con la regia di Ascanio Cimmino. Nel ruolo dei due protagonisti Bettina Calcagno (Filumena) e Francesco D’Andria (Domenico Soriano). Attorno a loro i personaggi dei due confidenti Rosalia (Margherita Buono) e Alfredo (Ascanio Cimmino), i tre figli Umberto (Antonio La Gioia) Michele (Mimmo Macrì) e Riccardo (Roberto Lomartire), l’amante/ infermiera (Monica Gambardella), l’avvocato Nocella (Andrea Mancini), la domestica di casa Soriano (Arianna Pignatelli). Un gruppo affiatato ed equilibrato che si cimenta in questo lavoro tanto noto e, proprio per questo, complesso da interpretare perché inciso nella memoria collettiva di chiunque ami il teatro e, in particolare, quello di Eduardo. Il testo resta fedele all’originale, tranne alcuni “tagli mirati” che permettono alla storia si proporsi con un ritmo incalzante, maggiormente adeguato alle attese di un pubblico contemporaneo.

Apertura sipario sabato 26 febbraio alle 20.30 e domenica 27 febbraio alle 18.30 . Biglietti al botteghiono del teatro; prevendita al bar Fantasy (via Ciro Giovinazzi, 22). Costo del biglietto, posto numerato. euro 10,00.

Angelina Jolie nel nostro “week end”

Angelina Jolie in Valle d’Itria, proprio a Martina Franca: è lei, l’attrice e regista statunitense, la protagonista di copertina dell’inserto “Week end”, oggi all’interno del nostro giornale. Dodici pagine dedicate agli eventi dell’estate pugliese, una guida per conoscere date e luoghi di spettacoli, concerti, mostre, incontri culturali o di semplice svago per trascorrere in allegria […]

“Essencials”, il nuovo album del tarantino Daniele Ippolito, irlandese di adozione

“Essencials” è un album di musica elettronica fuori dal tempo creato da Daniele Ippolito, un artista decisamente originale. Pugliese d’origine e cittadino del mondo (originario di Taranto vive a Dublino, in Irlanda) ha 28 anni e propone un viaggio musicale in 6 intensi brani molto diversi tra loro. Il disco è disponibile su K-Noiz, su […]

Dalla letteratura alla poesia, alla musica e all’economia: nuova veste per “L’Arengo”

Fresco di stampa è nelle nostre mani l’ultimo in ordine di tempo (ma non ultimo per importanza numero de I Quaderni de L’Arengo nella sua solita, sobria ed elegante veste tipografica curata, come sempre da par suo, dalla Casa Editrice Scorpione di Piero Massafra. Il titolo: I contemporanei. La prestigiosa rivista, come è noto, è […]

MAP: ospiti internazionali alla II edizione del Festival. Arriva anche John Rutter

«È sempre più evidente che il welfare culturale abbracci una quantità di competenze sempre più ampie. È vero per l’intera Puglia, ma soprattutto per Taranto che mette al centro dei suoi interessi una ricca programmazione culturale, facendo di questo un modello di sviluppo alternativo: confermata la strategia sul mare come grande attrattore, la città punta […]