x

x

Passeggiata teatrale nel Borgo antico

Prende il via domani, in piazza Municipio, “stArt up festival”,  il  variegato contenitore di eventi culturali che fino a sabato, 27 settembre, si svilupperà attraverso una serie di appuntamenti programmati in diversi luoghi d’arte del centro storico di Taranto, oltre che sul palco delll’auditorium “TaTà”, al quartiere Tamburi.

“All’insù”, un progetto “Armamaxa teatro” – il primo dei dodici spettacoli in cartellone (tre “prime” nazionali e quattro regionali) – è una sorta di passeggiata teatrale tra i balconi del nostro Borgo antico. Un grande e coinvolgente evento di piazza articolato in modo tale da costringere gli spettatori ad alzare lo sguardo all’insù e a rinnovare il proprio stupore per le meraviglie architettoniche ed urbanistiche delle città pugliesi.

La sua particolarità sta nel fatto che la drammaturgia, alla quale fa da corredo una  originale partitura musicale, si compone volta dopo volta, sul luogo in cui va in scena, tessendo una trama che i presenti percepiscono come un avvenimento fuori dall’ordinario.

Merito del successo del progetto teatrale va attribuito ai componenti del cast, tutti attori, musicisti, danzatori, acrobati, di provenienza geografica, formativa e professionale diversa: Nunzia Antonino, Pino Basile, Alberto Cacopardi, Michele Ciccimarra, Giuseppe Ciciriello, Valentina Elia, Giulio Ferretto, Ferdinando Filomeno, Simona Gubello, Francesco Lanciotti, Mirko Lodedo, Ilaria Magagna, Eufemia Mascolo, Enrico Messina, Micaela Sapienza, Saverio Suma; la parte musicale porta la firma di Mirko Lodedo.

“All’insù” nasce dall’intensa relazione costruita con il territorio e mette a nudo le memorie, i segni, i desideri  umani. Tutte le emozioni  ed i sentimenti che si nascondono, per esempio, dietro persiane chiuse ormai da tempo.

La piazza, in definitiva, appare come un grande palcoscenico sul quale le vite si mescolano, dando origine a storie sempre nuove e diverse. Vite intrecciate dal profumo di un caffè, dall’affacciarsi ad un balcone, dal suono delle campane, dal canto di un soprano.

L’inizio è previsto per le 21.