x

x

Buonasera

Quando il maleficio si chiama paura. Ecco “La bella e la bestia”

Accettare l’altro anche se appare diverso, estraneo, brutto e cattivo: è intorno a questo concetto che gira il racconto de “La Bella e la Bestia”, la famosa favola le cui due versioni principali risalgono, addirittura, al diciottesimo secolo.

Domenica, 22 marzo, a ricordarla sul palcoscenico del TaTà (in via Grazia Deledda, al quartiere Tamburi) per la rassegna del Crest “favole&TAmburi”, saranno gli attori Vincenzo Di Maio, Agostino Gamba e Cecilia Raponi, diretti da Lino Terra.

Le musiche originali sono firmate da Luca Losacco; la produzione è del “Teatro del canguro”.

La storia è nota a tutti: a Bella, la protagonista della favola, basta una  carezza per rompere d’incanto quel maleficio che si chiama paura e pregiudizio.
Basta quel gesto perché la Bestia rivelasse, d’un tratto, tutta la sua umanità e la sua “bellezza”.

Con quella carezza, infatti, Bella dimostra di essere capace di vedere oltre l’apparenza e di rifiutare l’ovvio e il preconcetto. La morale che si legge nella favola sottolinea quanto sia importante, ancor più necessario, fare in modo che i bambini superino le sensazioni proprie degli adulti. Adulti legati, purtroppo, oggi più che mai, ai modelli imposti dalla nostra società ed ispirati a canoni di bellezza, efficienza e presunta modernità. Nato alla fine degli anni ‘70 e da sempre orientato verso un teatro di grande impatto visivo ed emotivo, il “Teatro del canguro” da sempreproduce, rappresenta ed organizza spettacoli teatrali per bambini e ragazzi. Spettacoli all’interno dei quali le strutture narrative tipiche delle fiabe, ben si miscelano con l’ironia e la poesia. E dedicano, soprattutto, un’attenzione particolare al pubblico dei più piccoli la cui sensibilità, ovviamente, è spiccata. Anche il linguaggio utilizzato, seppur originale e moderno, è scelto facendo in modo che risulti loro comprensibile.

E, soprattutto, sia in grado di catturarne attenzione. Di provocare emozioni. Stimolare riflessioni. Sul palco pupazzi, oggetti animati, burattini e ombre cinesi, gli strumenti utilizzati dal “Teatro del canguro”.

Inizio ore 18; come consuetudine, alle 17,30, nel foyer dell’auditorium, lo staff dello Junior TaTÀ offrirà una gustosa merenda al giovane pubblico in attesa dell’inizio dello spettacolo pomeridiano della domenica.

Angelina Jolie nel nostro “week end”

Angelina Jolie in Valle d’Itria, proprio a Martina Franca: è lei, l’attrice e regista statunitense, la protagonista di copertina dell’inserto “Week end”, oggi all’interno del nostro giornale. Dodici pagine dedicate agli eventi dell’estate pugliese, una guida per conoscere date e luoghi di spettacoli, concerti, mostre, incontri culturali o di semplice svago per trascorrere in allegria […]

“Essencials”, il nuovo album del tarantino Daniele Ippolito, irlandese di adozione

“Essencials” è un album di musica elettronica fuori dal tempo creato da Daniele Ippolito, un artista decisamente originale. Pugliese d’origine e cittadino del mondo (originario di Taranto vive a Dublino, in Irlanda) ha 28 anni e propone un viaggio musicale in 6 intensi brani molto diversi tra loro. Il disco è disponibile su K-Noiz, su […]

In un libro la storia di Solieri e del rock‘n’roll

«Narrare la storia di Maurizio Solieri, in un certo senso, vuol dire addentrarsi nelle vicende della più bella storia rock italiana, però da un punto di vista diverso perché, come in ogni storia, le prospettive appaiono differenti a seconda dei punti di osservazione». Lo ha rivelato Massimo Poggini a proposito della nuova edizione aggiornata con […]

Sons of Kemet live nella notte delle stelle

LOCOROTONDO – Si apre con i Sons of Kemet l’edizione 2022 dell’atteso Locus Festival: il primo appuntamento con la rassegna è in programma il 10 agosto, alla Masseria Ferragnano. Nella notte delle stelle, dunque, fra le stelle più luminose ci sarà il formidabile quartetto londinese con Shabaka Hutchings, Theon Cross, Edward Wakili-Hick e Tom Skinner […]