04 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 03 Agosto 2021 alle 06:35:37

Il commercialista

In conversione il decreto Sostegni bis, nuova giravolta di scadenze

foto di In conversione il decreto Sostegni bis
In conversione il decreto Sostegni bis

Come ci siamo abituati ormai da due anni ad assistere, in sede di conversione in legge dei decreti adottati dal Governo, diversi emendamenti ne modificano il contenuto, estendendone in particolare l’efficacia. Per precisare alcuni aspetti di diritto in favore dei lettori, un Decreto Legge è uno strumento adottato dal Governo per ragioni di straordinaria urgenza ed emanato dal Presidente della Repubblica entrando immediatamente in vigore nel giorno della sua pubblicazione. Occorrerà tuttavia convertirlo in legge in sede parlamentare e in quella occasione le Camere hanno l’opportunità di modificarne il contenuto. Così sta avvenendo anche per il Decreto Sostegni Bis, il D.L. 73/2021, il secondo dei provvedimenti adottati dal Governo Draghi dalla sua entrata in carica. Sono stati approvati 150 emendamenti dalla Commissione Bilancio della Camera e la trattazione del provvedimento finale è iniziata lo scorso lunedì 12 luglio. Di seguito le principali novità.

VERSAMENTO IMPOSTE PER I SOGGETTI ISA
I contribuenti in regime ISA (ex Studi di Settore) potranno versare le imposte entro il 15 settembre 2021 senza maggiorazioni. Si tratta di imprenditori e professionisti con partita IVA soggetti a IRPEF e IRAP e Società ed Enti del Terzo Settore, soggetti ad IRES e IRAP. Saltano così le precedenti scadenze del 30 giugno, 20 luglio e 20 agosto. La proroga riguarda anche: – i soggetti che rientrano nelle cause di esclusione dall’applicazione degli ISA e i soggetti che sono in regime forfettario di impresa o professione; – i soggetti che partecipano a società, associazioni e imprese che dichiarano i redditi per trasparenza, ai sensi degli articoli 5, 115 e 116 del Tuir, e che rientrano nell’ambito delle attività soggette agli Isa. La proroga non riguarda tutti gli altri contribuenti, cioè le persone fisiche non in regime di impresa o professione.

ROTTAMAZIONE TER, SALDO E STRALCIO
Sono rinviati i versamenti delle rate 2020 della rottamazione ter, del saldo e stralcio e della definizione agevolata UE, attualmente fissati al 31 luglio 2021. La modifica approvata, in particolare, prevede: – la conferma al 31 luglio 2021 del termine per il pagamento delle rate della rottamazione ter in scadenza il 28 febbraio 2020 e per quelle del saldo e stralcio in scadenza il 31 marzo 2020; – lo slittamento al 31 agosto 2021 del termine per il pagamento delle rate della rottamazione ter in scadenza il 31 maggio 2020; – lo slittamento al 30 settembre 2021 del termine per il pagamento delle rate della rottamazione ter e per quelle del saldo e stralcio in scadenza il 31 luglio 2020; – lo slittamento al 31 ottobre 2021 del termine per il pagamento delle rate della rottamazione ter in scadenza il 30 novembre 2020. Viene confermata la scadenza del 30 novembre 2021 per le rate scadute il 28 febbraio, 31 marzo, 31 maggio e 31 luglio 2021. Per tutte le scadenze restano fermi i 5 giorni di tolleranza.

BONUS AFFITTI
Viene esteso anche alle imprese del commercio al dettaglio con ricavi superiori ai 15 milioni di euro, che hanno registrato una riduzione del fatturato di almeno il 30%tra 1° aprile 2020-30 marzo 2021 e lo stesso periodo 2019-2020. Il credito d’imposta spetta anche in assenza dei predetti requisiti ai soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dal 1° gennaio 2019. Il bonus – riconosciuto in relazione ai canoni versati con riferimento a ciascuno dei mesi da gennaio 2021 a maggio 2021 – è pari, rispettivamente, al 40% e al 20% dell’ammontare mensile del canone di locazione.

NUOVO CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO
Sono ammessi al contributo a fondo perduto per i soggetti che hanno registrato nel 2019 ricavi o compensi compresi tra i 10 milioni e i 15 milioni di euro. IMU 2021 PER IMMOBILI CON BLOCCO SFRATTO Passa in commissione anche ad un emendamento che cancella le rate IMU 2021 per le persone fisiche proprietarie di un immobile ad uso abitativo, concesso in locazione, che abbiano ottenuto in proprio favore l’emissione di una convalida di sfratto per morosità entro il 28 febbraio 2020, la cui esecuzione è sospesa fino al 30 giugno 2021. BONUS VACANZE È stato approvato un emendamento che estende il contributo per l’acquisto dei pacchetti turistici.

FONDI PER I SETTORI DELLA RISTORAZIONE, DEGLI EVENTI E DELLE FIERE.
Sono previsti fondi per i seguenti settori: – 50 milioni di euro per le fiere e le imprese dei servizi di logistica, trasporto e allestimento con una quota di ricavi superiore al 51% legata alle attività fieristiche; – 60 milioni di euro per il settore del wedding, intrattenimento e ristorazione colpiti dalle chiusure; – 100 milioni di euro per la ristorazione collettiva; – 10 milioni di euro per le agenzie di viaggio; – 10 milioni di euro per i bus turistici; – 30 milioni di euro per comprensori ed aree sciistiche a carattere locale per interventi di innovazione tecnologica, ammodernamento e miglioramento dei livelli di sicurezza degli impianti di risalita, alle piste da sci e degli impianti di innevamento programmato. Vengono inoltre aumentate di 60 milioni di euro per l’anno 2021 le risorse del Fondo straordinario degli enti del terzo settore.

SOSTEGNO ALL’EDITORIA
La Commissione Bilancio ha inoltre approvato l’emendamento che ripropone anche nel 2021 a favore delle imprese editrici di quotidiani e periodici, nel limite di spesa di 30 milioni di euro, il credito d’imposta del 10%per le spese sostenute nel 2020 per l’acquisto di carta. Attenderemo la fine dell’iter parlamentare per i prossimi aggiornamenti. Nella attesa, in queste settimane, entrerà nel vivo la riforma del fisco italiano, che dovremo seguire con particolare attenzione.

Francesco Andrea Falcone
Dottore Commercialista – Revisore Legale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche